domenica 22 gennaio | 11:13
pubblicato il 26/nov/2013 14:01

Unindustria: mille studenti da 40 scuole a Orientagiovani

(ASCA) - Roma, 26 nov - Mille studenti di oltre 40 scuole superiori hanno partecipato questa mattina alla giornata Orientagiovani dedicata alle Startup dal titolo ''Dall'Idea al Business-come si fa una startup'' organizzata dal Comitato tecnico Scuola e Universita' di Unindustria, presieduto da Emilia Gangemi. La manifestazione, che si inserisce nell'ambito della XX Giornata Nazionale Orientagiovani di Confindustria, quest'anno e' stata dedicata alle Startup al fine di trasferire agli studenti la cultura dell'innovazione e del coraggio di fare impresa e offrire loro un quadro dei possibili rischi ma anche delle grandi opportunita' che comporta avviarne una.

La giornata si e' articolata in due incontri in occasione dei quali studenti delle quarte e quinte di scuole superiori di Roma e Frosinone hanno affollato le sale delle Universita' LUISS Guido Carli di Roma e Universita' degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e hanno avuto la possibilita' di ascoltare il racconto di giovani fondatori di startup digitali che hanno saputo trasformare un'idea di business in una vera impresa e avviare piccole aziende ad alto contenuto innovativo. Emilia Gangemi presidente del Comitato tecnico Scuola di Unindustria - da tempo impegnato a ridurre la distanza tra scuola e mondo del lavoro, attraverso progetti formativi sempre piu' aderenti alle effettive richieste del mercato e che promuovano la vocazione imprenditoriale dei giovani - nel suo intervento all'incontro presso l'Universita' LUISS Guido Carli ha messo in rilievo che ''la crisi che stiamo attraversando non e' solo economica, ha radici profonde e coinvolge il destino del sapere. La lotta alla disoccupazione giovanile rappresenta quindi la sfida prioritaria per l'Italia ma anche per l'Europa, investire nella scuola e' quindi decisivo anche se puo' rappresentare una sfida ardua.

Affinare le eccellenze, sveltire i processi, valorizzare l'inventiva, aprirsi alle istituzioni scolastiche e' una strategia non solo obbligata, ma fondamentale per essere percepiti come ''altro'' rispetto al precedente sistema. Il nostro intento, come Unindustria, e' introdurre nei percorsi formativi dei ragazzi degli spunti e delle esperienze che allarghino la loro visione del mondo, avvicinandoli alla vita delle imprese, al lavoro in azienda, ai processi di produzione, ma anche ai valori e principi di cui gli imprenditori sono, molto spesso, portatori. La giornata di oggi, dedicata a circa 1.000 studenti provenienti dagli Istituti di Roma e del Lazio, rappresenta un serio tentativo in questa direzione. Ideali e concretezza devono necessariamente andare di pari passo. Su questo, l'attenzione di Unindustria - e, piu' complessivamente a livello nazionale, di tutta Confindustria - e' da sempre continua e costante''.

Sono intervenuti 7 giovani 'startupper' delle imprese Bancha, Wanderio, DeRev, Game Pix intervenuti all'incontro di Roma e Thingarage, Domozero, Araknia intervenuti a Cassino che hanno raccontato la loro esperienza e risposto a domande e curiosita' degli studenti. red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4