lunedì 05 dicembre | 12:24
pubblicato il 20/nov/2013 12:01

Unindustria: con Bnl incontra Pmi Lazio su accesso al credito

(ASCA) - Roma, 20 nov - Nell'ambito dell'attivita' di supporto e sensibilizzazione di Unindustria sul tema dell'accesso al credito in favore delle PMI del Lazio, si e' svolto nella sede romana dell'Associazione l'ultima tappa sul territorio regionale degli incontri di Fidimpresa Lazio e BNL Gruppo BNP PAribas con le aziende. Obiettivo dell'incontro e' stato quello di illustrare agli imprenditori della Provincia di Roma l'attivita' di Fidimpresa Lazio, primo Confidi della Regione, e le iniziative che BNL dedica alle imprese, soprattutto per le piccole, nell'ottica di sostenere le esigenze di liquidita' e di accesso al credito del sistema economico provinciale e contenere gli effetti della crisi.

Ha aperto i lavori il presidente di Unindustria Maurizio Stirpe che ha voluto sottolineare la grande attenzione che l'Associazione sta dedicando al tema del credito attraverso la costituzione di un'Area ad hoc di finanza e credito che in collaborazione con Fidimpresa Lazio puo' offirire un ventaglio di strumenti efficaci alle imprese del territorio ed individuare strumenti utili che suppliscano alla debolezza della propria struttura finanziaria. Il Presidente Stirpe ha poi ricordato le principali attivita' che Unindustria sta mettendo in campo a supporto dello sviluppo delle imprese del Lazio: un'azione di costante monitoraggio sulla situazione dei debiti della PA verso le imprese laziali, che ammontano a circa 12 miliardi di euro, e che rappresenta un problema centrale per la ripresa dell'economia regionale; una vision chiara agli imprenditori sugli strumenti alternativi di finanziamento esistenti - come il private equity, venture capital e i minibond - attraverso un'azione di trade union di Unindustria e Fidimpresa Lazio tra le imprese e le banche di cui le piu' importanti sul territorio sono associate a Unindustria; dedicare particolare attenzione alle politiche di sostegno al credito in favore delle imprese che la Regione Lazio sta attuando, e fortemente auspicate da Unindustria, riferendosi in particolare al recente progetto di riordino delle societa' partecipate e all'accesso diretto al Fondo centrale di garanzia. ''Fidimpresa Lazio - ha dichiarato il presidente Ettore Quadrani - ha assunto un ruolo determinante per le micro-piccole imprese, rappresentando per queste ultime, l'unico strumento ad oggi valido nel Lazio per favorire e facilitare l'accesso al credito bancario. Le banche, tramite i Confidi, sono piu' vicine al territorio e Fidimpresa, come banca di garanzia, puo' svolgere il ruolo strategico di intermediario a livello regionale tra banca e impresa''.

Quadrani ha poi ricordato come lo stumento del minibond sia molto vantaggioso soprattutto per le micro imprese con un fatturato non superiore ai 5 milioni e che rappresentano il 90% del sistema produttivo regionale. Paolo Alberto De Angelis, vice direttore generale di BNL e responsabile della divisione corporate, e Marco Tarantola, vice direttore generale, a capo della divisione retail e private della Banca - hanno illustrato agli oltre 100 imprenditori presenti l'attuale scenario economico-finanziario e, nel dettaglio, strategia, servizi, prodotti e modelli distributivi che la banca e' in grado di offrire alle imprese del Lazio associate a Unindustria. Cio' attraverso piu' di 170 filiali attive nella Regione, oltre a centri dedicati alle specifiche esigenze degli stessi imprenditori. BNL - hanno ricordato i manager - e' impegnato al fianco delle piccole e medie imprese, in particolare di quelle che vogliano crescere in Italia e all'estero, sottolineando anche che ci sono primi segnali in termini di aumento degli investimenti. La banca, inoltre, e' in grado di supportare anche le aziende che vogliano esportare il proprio prodotto, svilupparsi e competere sui mercati internazionali. Per quest'ultime, BNL - anche grazie all'appartenenza al Gruppo BNP Paribas, attivo in circa 80 paesi nel mondo - mette a disposizione strutture e team per affiancare l'imprenditore italiano direttamente nel paese in cui ha deciso di investire.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Riforme
Riforme, Dijsselbloem: mercati calmi, non servono misure emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari