giovedì 08 dicembre | 09:38
pubblicato il 08/mar/2011 18:31

UniCredit/ Pronta a congelare voto libici se Ue conferma

Nell'azionariato presenti la Banca centrale e la Lia

UniCredit/ Pronta a congelare voto libici se Ue conferma

Milano, 8 mar. (askanews) - Qualora l'Ue dovesse ratificare le nuove sanzioni alla Libia su cui i ventisette Paesi dell'Ue avrebbero trovato oggi un accordo, Unicredit è pronta a congelare i diritti di voto dei soggetti libici presenti nel proprio azionariato. "Se questo fosse confermato, i diritti di voto degli azionisti libici in UniCredit verrebbero congelati", ha dichiarato un portavoce di UniCredit. A Central Bank of Libya e Lia fanno capo rispettivamente il 4,988% e il 2,594% di UniCredit. Ancora non è chiaro quali fondi e banche o istituzioni della Libia saranno oggetto delle sanzioni. Le indiscrezioni odierne indicavano proprio la Banca centrale e la Lia. Se confermate su entrambi i soggetti libici, le sanzioni Ue investirebbero quindi complessivamente i diritti di voto relativi a circa il 7,5% del capitale della banca di piazza Cordusio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Roma
Roma, Antitrust avvia procedimento contro Atac sul servizio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni