sabato 10 dicembre | 17:41
pubblicato il 16/lug/2012 05:10

UniCredit/ pressing Libia per board, partecipazione strategica

Vicegovernatore banca centrale a Sole: investimento lungo termine

UniCredit/ pressing Libia per board, partecipazione strategica

Roma, 16 lug. (askanews) - La partecipazione della nuova Libia in UniCredit, attualmente compresa tra il 4% e il 5%, è strategica e Tripoli desidera che questa quota di rilievo si traduca nella presenza di un suo membro nel consiglio d'amministrazione della prima banca italiana. Lo ha detto, in un'intervista a "Il Sole 24 Ore", il vicegovernatore della Libyan central bank, Ali Mohammed Salem: "Vendere ora? Sarebbe folle. Perderemmo più di un miliardo di euro. E comunque - ha sottolineato il banchiere centrale - la partecipazione libica in UniCredit non è in discussione. E' un investimento a lungo termine. Siamo convinti che saremo ripagati con una crescita". A nove mesi dalla morte di Muammar Gheddafi, con il cambio di regime sancito lo scorso 7 luglio anche dall'inatteso successo di una coalizione guidata dalle forze più laiche e liberali dei partiti islamisti, Tripoli torna a dedicarsi alle sue numerose partecipazioni all'estero, quindi anche in Unicredit, dove ambisce ad avere un membro nel nuoco consiglio d'amministrazione. Fino al 2010 i libici erano i primi azionisti della banca di Piazza Cordusio; la banca centrale deteneva una quota del 4,98% che unita a quella del fondo sovrano, il Libyan investment Authority (Lia), ammontava a circa il 7,6%. Quota scesa sotto il 5% dopo l'aumento di capitale varato da UniCredit lo scorso gennaioa cui la Banca Centrale ha aderito solo parzialmente sottoscrivendo circa la metà dei diritti. Le quote sono scese così a circa il 3% per la banca centrale e sembra circa all'1,3% per la Lia. "Desideriamo - afferma Salem - un membro nel board perchè abbiamo ancora una grande quota in UniCredit".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina