domenica 04 dicembre | 19:44
pubblicato il 31/ott/2014 19:32

Unicredit, in Bulgaria primo business center per imprese italiane

Ghizzoni: a Sofia sostegno ad aziende per internazionalizzazione

Unicredit, in Bulgaria primo business center per imprese italiane

Roma (askanews) - Nasce a Sofia il primo business center di Unicredit, una struttura a disposizione delle imprese italiane che vogliono allargare i confini dei loro mercati ed entrare in Bulgaria e nei Balcani. L'Unicredit international center sarà un hub per fornire sostegno gratuito ai clienti della banca che fanno business nel paese balcanico. E sarà quindi una base, con spazi e strutture per chi vuole internazionalizzarsi in Bulgaria.

L'amministratore delegato Federico Ghizzoni: "In tutti i 14 paesi principali abbiamo già international center, ma non delle dimensioni e con i concetti innovativi di questo. L'obiettivo adesso è vedere come funzionerà qui a Sofia e poi, eventualmente, investire sugli altri 14 per fare un salto di qualità".

In Bulgaria la banca italiana è presente con Unicredit Bulbank. I paesi balcanici e la Bulgaria in particolare, sono un'area di naturale interesse per l'imprenditoria italiana, soprattutto per le Pmi. Le aziende italiane presenti sono più di mille, in particolare nei settori delle costruzioni, del tessile e dell'energia. L'interscambio con l'Italia, terzo partner commerciale del Paese, è di 4,2 miliardi di euro.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari