domenica 04 dicembre | 01:46
pubblicato il 11/mar/2014 17:02

Unicredit: Ghizzoni, taglio crediti deteriorati da 87 a 33 mld in 5 anni

(RIPETIZIONE CORRETTA).

(ASCA) - Milano, 11 mar 2014 - Unicredit punta a ridurre i propri crediti deteriorati in Italia da 87 a 33 miliardi di euro nel giro di 5 anni. Lo ha assicurato l'amministratore delegato del gruppo, Federico Ghizzoni, durante la conferenza stampa di presentazione del piano strategico industriale al 2018.

Gli attuali 87 miliardi di crediti deteriorati sono stati 'segregati' in un portafoglio autonomo rispetto a quello di Unicredit che, come ha chiarito il top manager, ''sara' monitorato come business autonomo''. Cosi', ha rivendicato, Unicredit diventa ''l'unica banca italiana che di fatto ha una divisione pienamente operativa e pienamente focalizzata su questo portafoglio con l'obiettivo di ridurlo del 60% da qui al 2018''. Da Ghizzoni anche una precisazione sulla decisione di Unicredit di accantonare 7,2 miliardi di euro: ''Con questa decisione torniamo a livello di copertura dei rischi del 2008. Praticamente torniamo a livelli di copertura pre-crisi, ad un livello ben piu' alto della media delle banche italiane''.

fcz/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari