venerdì 20 gennaio | 11:24
pubblicato il 11/mar/2014 15:24

Unicredit: da quote Bankitalia plusvalenza netta di 1,2 mld (upd 1)

(ASCA) - Roma, 11 mar 2014 - Dalla rivalutazione delle quote del capitale di Bankitalia, Unicredit che ne detiene il 22,1% ha beneficiato nell'esercizio 2013 di una plusvalenza netta di 1,2 miliardi e un miglioramento del coefficiente patrimoniale Common Equity Tier 1 (CET1) di 35 punti base portandolo al 9,4% (10,4% phased-in). Le imposte sono state di 200 milioni. Se, in virtu' degli approfondimenti in corso sulla rappresentazione contabile della rivalutazione delle quote, le stesse dovessero essere imputate non piu' al conto economico ma al patrimonio netto, allora ''la perdita netta del gruppo sarebbe piu' elevata di 1,2 miliardi per il quarto trimestre e nell'esercizio 2013', mentre il CET1 rimarrebbe invariato al 9,4% ( 10% phased-in)'', spiega la nota di Unicredit red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale