domenica 26 febbraio | 07:21
pubblicato il 11/mar/2014 15:24

Unicredit: da quote Bankitalia plusvalenza netta di 1,2 mld (upd 1)

(ASCA) - Roma, 11 mar 2014 - Dalla rivalutazione delle quote del capitale di Bankitalia, Unicredit che ne detiene il 22,1% ha beneficiato nell'esercizio 2013 di una plusvalenza netta di 1,2 miliardi e un miglioramento del coefficiente patrimoniale Common Equity Tier 1 (CET1) di 35 punti base portandolo al 9,4% (10,4% phased-in). Le imposte sono state di 200 milioni. Se, in virtu' degli approfondimenti in corso sulla rappresentazione contabile della rivalutazione delle quote, le stesse dovessero essere imputate non piu' al conto economico ma al patrimonio netto, allora ''la perdita netta del gruppo sarebbe piu' elevata di 1,2 miliardi per il quarto trimestre e nell'esercizio 2013', mentre il CET1 rimarrebbe invariato al 9,4% ( 10% phased-in)'', spiega la nota di Unicredit red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech