venerdì 02 dicembre | 21:02
pubblicato il 18/ago/2014 14:22

Un italiano su 4 sceglie cibo come souvenir di viaggio

Prodotti tipici tra gli acquisti più gettonati in vacanza

Un italiano su 4 sceglie cibo come souvenir di viaggio

Roma, (askanews) - Quasi un italiano su quattro torna dalle vacanze con prodotti tipici come souvenir che si classificano come i preferiti nell estate 2014. E quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe , nella settimana del primo controesodo, dalla quale si evidenzia però che quest anno una maggioranza del 39 per cento di italiani torna a mani vuote dalle ferie."Le difficoltà economiche - sottolinea la Coldiretti - costringono molti a risparmiare in vacanza e spingono anche verso spese utili, con i prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve che vincono su tutte le altre scelte nell estate 2014". Al secondo posto si classificano gli oggetti tipici di artigianato, acquistati dal 20 per cento degli italiani mentre il 18 per cento acquista gadget, portachiavi, magliette e il 16 per cento cartoline e immagini del luogo che perdono terreno nella sfida con gli smartphone.

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari