sabato 03 dicembre | 06:28
pubblicato il 23/gen/2013 14:56

Ue/Trasporti: slitta presentazione pacchetto ferrovie, rischio ritiro

(ASCA) - Bruxelles, 23 gen - Slitta e rischia di saltare il IV pacchetto ferrovie, l'insieme delle proposte legislative della Commissione europea per rispondere ai ritardi dei paesi membri nell'attuazione delle politiche e nella realizzazione delle infrastrutture necessarie per la creazione delle reti di trasporto trans-europee (Ten-T). Annunciato a inizio anno, alla ripresa dei lavori della Commissione europea dopo la pausa natalizia, il pacchetto da calendario sarebbe dovuto essere presentato domani, cosa che invece non avverra'. A spiegare il cambiamento del programma dei lavori l'incognita tedesca: a quanto si apprende il commissario europeo per i Trasporti, Siim Kallas, sarebbe volato a Berlino per discutere delle proposte legislative direttamente con il cancelliere tedesco, Angela Merkel.

Kallas ha piu' volte lamentato i ritardi della Germania, il paese che forse piu' di tutti ha disatteso le aspettative senza rispettare ne' impegni ne' cronoprogrammi nel settore trasporti. Ritardi che si spiegano anche per via delle logiche dell'ordinamento federale dello Stato, con suddivisioni di competenze che frammentano e rallentano processi decisionali e programmi realizzativi. Ma a quanto a pare grava sul IV pacchetto ferrovie la politica interna della Germania: per quanto le elezioni siano ancora lontane (si vota a settembre), sembra che non ci si voglia assumere responsabilita' di spesa per la costruzione delle reti di trasporto, il cui costo ricadrebbe sugli elettori. Kallas starebbe quindi cercando di spiegare, con una missione straordinaria in Germania, l'importanza e l'esigenza di continuare nella costruzione dell'Europa delle interconnessioni e dell'intermodalita'. Domani la Commissione presentera' la proposta per i carburanti alternativi, che originariamente dovevano essere presentate al pubblico dopo il pacchetto ferrovie. A Bruxelles gli ottimisti sperano solo in un'inversione di presentazioni nell'agenda di lavoro della Commissione Ue, aspettando il pacchetto ferrovie per la prossima settimana. I pessimisti sostengono invece che se le nuove proposte non dovessero essere presentate tra sette giorni, allora con ogni probabilita' verranno ritirare del tutto.

bne/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari