martedì 21 febbraio | 11:57
pubblicato il 13/gen/2015 17:14

Ue:ok sforamenti 3% deficit-Pil su contributi fondo investimenti

Deviazione limitata e temporanea non darà procedura correttiva

Ue:ok sforamenti 3% deficit-Pil su contributi fondo investimenti

Roma, 13 gen. (askanews) - Via libera della Commissione europea a sforamenti del limite del 3 per cento sul deficit-Pil, e dei limiti sul debito pubblico, se "limitati e temporanei" e quando derivanti dai contributi nazionali allo European Fund for Strategic Investments (Efsi), previsto dal piano di rilancio degli investimenti voluto dal presidente Jean-Claude Juncker.

Rivendicando di onorare i suoi precedenti impegni, la Commissione "stabilisce che non verranno computati nella valutazione dei conti, sia in caso di procedura correttiva sia nel meccanismo preventivo", recita un comunicato dell'esecutivo comunitario. "Nel caso in cui il limite del 3 per cento non sia rispettato, la Commissione non lancerà una procedura per deficit eccessivo, se è dovuto al contributo (al fondo Ue) e se la deviazione è limitata e temporanea".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia