martedì 17 gennaio | 12:24
pubblicato il 24/ott/2013 12:59

Ue/bilancio: Parlamento approva correzione da 2,7 mld, evitato shutdown

Ue/bilancio: Parlamento approva correzione da 2,7 mld, evitato shutdown

(ASCA) - Bruxelles, 24 ott - L'Aula del Parlamento europeo approva la proposta di emendamento al bilancio 2013 da 2,7 miliardi di euro, scongiurando dunque l'insolvibilita' dell'Unione europea. Si tratta della sesta proposta emendativa all'esercizio finanziario per l'anno in corso (su un totale di nove proposte di modifica), resasi necessaria per i mancati introiti derivanti dai dazi doganali: sono stati infatti riscossi 4 miliardi di euro in meno rispetto alle stime previste, e l'ammanco e' stato coperto solo parzialemente attraverso 1,3 miliardi di euro di multe agli stati membri.

La differenza, 2,7 miliardi, serviva per ripianare il buco nel bilancio ma soprattutto a garantire i pagamenti dell'Unione europea, che senza queste risorse dal 15 novembre non avrebbe avuto piu' un centesimo nelle casse, come denunciato prima dalla Commissione europea e poi dal presidente del parlamento europeo, Martin Schulz.

Il voto di oggi ''e' un atto di grande responsabilita' del Parlamento europeo'', commenta Giovanni La Via (Pdl/Ppe), relatore per il bilancio Ue 2013. Il Parlamento, sottolinea, ''modificando l'ordine del giorno dei propri lavori viene incontro prontamente ad una richiesta della Commissione europea, che lamentava il rischio del default o shutdown dell'Ue a causa della mancanza di 'cassa', con conseguente impossibilita' di pagare le fatture a partire dal 15 novembre''. Tuttavia, continua La Via, ''voglio ribadire con forza che l'odierna approvazione del bilancio rettificativo numero 6 non fa venire meno la necessita' di risorse fresche per pagare le fatture gia' presentate dagli stati Membri, per non parlare di quelle in arrivo a novembre-dicembre, che inevitabilmente si riverseranno sul gia' ristretto bilancio 2014''. Per questo motivo, ribadisce ancora La Via, ''insistiamo nel chiedere al Consiglio di approvare con urgenza il bilancio rettificativo numero 8 da 3,9 miliardi di euro, e ricordiamo che in caso di mancata approvazione dello stesso, il Parlamento, come gia' detto piu' volte, non dara' il suo consenso al bilancio pluriennale 2014-2020''.

bne/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate