venerdì 24 febbraio | 01:29
pubblicato il 04/set/2013 13:08

Ue/Banche: Barnier, fondi comuni instabili. Sono un rischio

(ASCA) - Bruxelles, 4 set - I Fondi comuni monetari rappresentano volumi di attivita' 1.000 miliardi di euro, e per questo ''hanno quindi grande importanza per la nostra economia''. Inoltre va tenuto presente che i Fondi comuni ''detengono il 22% del debito europeo a breve termine'', ma il punto e' che ''il problema e' che questi fondi non sono stabili e in caso di tensioni potrebbero mettere in difficolta' le banche''. Per questo motivo ''vogliamo consolidare la fiducia e la stabilita' attraverso queste proposte''. Lo afferma il commissario europeo per il Mercato interno, Michel Barnier, presentando la comunicazione sul sistema bancario ombra e sulle nuove regole sui fondi comuni monetari.

''Non vogliamo vietare questi fondi, perche' sono ritenuti utili. Vogliamo valutarne i rischi e controllarli''. Barnier mette in chiaro che ''non c'e' l'intenzione di fare la guerra a questi fondi, voglio che siano correttamente capitalizzati e trasparenti''. Secondo lui ''la presenza di regole in questo settore avrebbe evitato la presenza di rischio grave''.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech