lunedì 27 febbraio | 06:28
pubblicato il 12/giu/2014 17:12

Ue: Vicari, impegno governo nel semestre per accordo con Usa su TTIP

(ASCA) - Roma, 12 giu 2014 - ''L'Italia si concentrera' nel prossimo Semestre di presidenza dell'Ue per facilitare il negoziato in corso sul TTIP (Trans-Atlantic Trade and Investiment Partnership) tra l'Ue e gli Usa e l'adozione di misure piu' adatte ed immediate per rafforzare una visione comune dell'Agenda Digitale Europea''. Lo ha detto il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, Simona Vicari, a Londra nel corso dell'International Ip Enforcemente Summit, organizzato dall'Ufficio della proprieta' intellettuale del Regno Unito (UK Intellectual Property Office), l'Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI) e la Commissione europea per riflettere su come affrontare al meglio la violazione dei diritti di proprieta' intellettuale che minaccia non solo i consumatori, ma danneggia le economie, le imprese e l'occupazione in tutto il mondo.

''Questo Trattato - ha continuato il sottosegretario Vicari - riunira' centinaia di milioni di consumatori e la maggioranza del Pil mondiale creando enormi opportunita' commerciali, posti di lavoro, e sviluppo in particolare per le Pmi, aziende che soffrono maggiormente gli attuali ostacoli al commercio, attraverso l'abbassamento di vincoli e l'ampliamento di una sana concorrenza. Poi nel settore delle telecomunicazioni il Governo italiano puntera' ad agire come facilitatore, perche' siano adottate misure adatte ed immediate per rafforzare una visione comune dell'Agenda Digitale Europea. E lo faremo andando oltre la semplice applicazione dei servizi pan-europei, ma favorendo l'interazione digitale tra i cittadini, le imprese e le Pubbliche Amministrazioni ed il piu' ampio sviluppo della banda larga''. Come ha ribadito recentemente il presidente del Consiglio Renzi - ha aggiunto il sottosegretario -, lavoriamo per rafforzare un'Europa sulle frontiere dell'innovazione, sull'agenda digitale, sul ''climate change'', e capace di affrontare questioni vere a partire dalla lotta alla disoccupazione. Un'Europa che si occupa di vincoli astratti e lontani dalla gente, e' un'Europa che sbaglia''.

Infine, nel corso di un incontro bilaterale con Lord Younger, sottosegretario per la proprieta' intellettuale, il sottosegretario Vicari si e' soffermata sulla riforma della legislazione comunitaria in materia di marchi d'impresa, ed in particolare sulla modifica delle disposizioni connesse ai controlli sulle merci in transito nell'Ue che provengono da Paesi terzi. ''Siamo convinti - ha ribadito la senatrice Vicari - che sia molto importante intensificare con tutti i mezzi e ad ogni livello la lotta alla contraffazione di beni e servizi.

Tuttavia, se non ci dotiamo di strumenti di controllo idonei, l'Ue continuera' a rappresentare un hub per traffici illeciti, che danneggiano non solo le economie dei Paesi terzi ma anche i nostri imprenditori titolari di marchi. Sono consapevole delle preoccupazioni del governo britannico circa la tutela del legittimo commercio, ma mi auguro che la posizione inglese possa allinearsi con la nostra, con l'obiettivo comune di rispondere alle richieste delle nostre imprese, grandi e piccole, che sono vittime ogni giorno di questo fenomeno''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech