mercoledì 22 febbraio | 14:45
pubblicato il 15/mar/2013 09:13

Ue: vertice, contro crisi fatto molto ma accelerare processo riforme

(ASCA) - Bruxelles, 15 mar - E' stato fatto ''molto'' per rispondere alla crisi, ma le condizioni economiche ancora non buone e gli alti tassi di disoccupazione impongono di accelerare il processo di risanamento delle economie europee.

Sono l'analisi e la conclusione della prima giornata del vertice del Consiglio europeo, dedicata ai temi economici, dove i capi di Stato e di governo dei paesi dell'Ue hanno discusso della situazione economica e sociale e fissato gli orientamenti per la politica economica degli Stati membri e dell'Unione europea nel 2013.

In questa road-map c'e' ''la necessita' urgente'' di proseguire lungo il processo di unione bancaria, completando il prima possibile e comunque entro i tempi le riforme avviate nel settore. Per cui le questioni tecniche rimaste aperte nella proposta di modifica dei requisiti di capitale delle banche (il Crd4), ''devono essere chiuse rapidamente per arrivare ad un accordo definitivo entro la fine del mese''. Analogamente, risulta ''una priorita''' completare il processo legislativo sul meccanismo unico di vigilanza bancaria ''entro le prossime settimane''.

Quanto al fondo salva-stati permanente Esm e la sua capacita' di ricapitalizzare direttamente le banche, vanno chiariti ''il prima possibile entro il primo semestre del 2013'' gli aspetti legati ai 'legacy asset' (i passivi accumulati dagli istituti crediti prima dell'entrata in vigore della vigilanza della Banca centrale europea). ''Prima di giugno 2013'' va trovato un accordo sullo schema comune di garanzie dei depositi e sul meccanismo di risoluzione delle crisi.

Equita' fiscale viene inoltre chiesta a tutti i paesi.

''Nel contesto pressante del risanamento di bilancio e' importante garantire che tutti paghino una parte congrua di tasse'', recita il documento di fine vertice. Il Consiglio europeo ricorda inoltre ''l'importanza di alleggerire la fiscalita' sul lavoro, se del caso e riconoscendo le competenze degli Stati membri in questo settore, come strumento per contribuire ad aumentare l'occupazione e la competitivita'''. I capi di Stato e di governo fanno quindi accenno alla flessibilita' chiesta dall'Italia, che vorrebbe lo scorporo del costo degli investimenti pro-crescita dal calcolo del deficit. ''Nel pieno rispetto del patto di stabilita' e crescita, le possibilita' offerte dal quadro di bilancio esistente dell'Ue per equilibrare la necessita' di investimenti pubblici produttivi con gli obiettivi della disciplina di bilancio potranno essere sfruttate nel braccio preventivo del patto stesso''. Infine ''urge completare e attuare'' le nuove regole di finanza pubblica e consolidamento di bilancio, vale a dire il 'six pack' (l'insieme delle norme per un controllo piu' rapido delle politiche fiscali) e il 'two pack' (i meccanismi di sorveglianza di bilancio dei paesi a rischio). In particolare ''devono essere effettuati tutti i necessari lavori preparatori al fine di assicurare che queste nuove disposizioni siano effettivamente applicate dall'inizio dei nuovi cicli di bilancio nazionali nel 2013''. In sintesi, ''molto e' stato realizzato, nonostante alcune incertezze residue nei mercati finanziaria''. Ma la stagnazione dell'attivita' economica prevista per il 2013 e i livelli di disoccupazione ''inammissibilmente'' elevati ''mettono in rilievo quanto sia fondamentale accelerare gli sforzi a sostegno della crescita in via prioritaria, portando avanti nel contempo un risanamento di bilancio favorevole alla crescita''. Un necessita' condivisa anche con il presidente della Bce, Mario Draghi, nel corso della riunione dell'Eurosummit, il formato dell'Eurogruppo a livello di capi di Stato e di governo.

bne/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%