lunedì 05 dicembre | 17:44
pubblicato il 08/ago/2013 16:09

Ue: Trigilia, 30 mld risorse europee per nuovo ciclo fondi 2014-2020

(ASCA) - Roma, 8 ago - Il Ministro per la Coesione Territoriale, Carlo Trigilia, ha informato il Consiglio dei Ministri sulla Programmazione del ciclo dei fondi europei 2014-2020. Il Ministro ha fatto presente che l'ammontare di risorse europee per il nuovo ciclo sara' di circa 30 miliardi che potrebbero raddoppiare con il cofinanziamento nazionale.

A tale cifra occorre poi aggiungere l'importo del Fondo Sviluppo e Coesione che dovra' essere programmato per i prossimi 7 anni, in stretta integrazione con i fondi europei, nella prossima legge di stabilita'. Entro il mese di settembre sara' concluso l'Accordo di Partenariato, che e' l'atto principale di impostazione delle scelte per il nuovo ciclo. ''Per evitare le serie criticita', sia per la capacita' di spesa che per la qualita' della spesa, che ha mostrato l'uso dei fondi europei nei precedenti cicli - ha spiegato il ministro - e' necessario che si parta con il piede giusto, per innovare profondamente l'utilizzo di questa risorsa che e' strategica e cruciale per la ripresa del paese''.

La nuova strategia dovra' permettere di selezionare poche priorita' sulle quali ''concentrare le risorse in un'ottica nazionale, rafforzando un centro di coordinamento nazionale che aiuti a fare meno cose a farle meglio''. Innanzitutto ''occorre puntare gli sforzi, specie nei prossimi due anni, su misure antirecessive capaci di sostenere l'occupazione, in particolare quella giovanile, le imprese e le economie locali''.

Su questa impostazione illustrata dal ministro e' stato avviato il confronto con le Regioni, con le quali e' stato aperto un tavolo unico di coordinamento politico presieduto dal Ministro per la coesione territoriale, al quale vengano portate anche le proposte delle amministrazioni centrali. Il Ministro, davanti al Cdm, ha anche delineato alcuni cambiamenti organizzativi delle strutture amministrative che possano sostenere questa strategia. In questa prospettiva ''sara' importante la creazione di un'Agenzia per la coesione territoriale che rinforzi le funzioni di monitoraggio, di assistenza tecnica alla gestione dei programmi e, ove necessario, di intervento attivo nella gestione dei programmi''.

com-brm/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari