giovedì 19 gennaio | 16:55
pubblicato il 29/mag/2014 10:54

Ue: Squinzi, terremoto c'e' stato. Basta austerita', subito riforme

Ue: Squinzi, terremoto c'e' stato. Basta austerita', subito riforme

(ASCA) - Roma, 29 mag 2014 - ''Il risultato delle elezioni europee ci mette difronte a bivio politico: l'Europa puo' aprirsi finalmente verso le riforme, come Confindustria chiede da tempo, o cedere alle forze che spingono verso la dissoluzione del sistema''. Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi legge il risoltato della tornata elettorale europea come un chiaro messaggio per cambiare passo e riformare l'Unione.

Nel suo intervento all'assemblea della confederazione, Squinzi sottolinea che ''se i partiti europeisti saranno capaci di intraprendere il cambiamento, anche il voto degli scettici sara' stato un voto utile, In caso contrario, chi vuole demolire l'edificio comunitario rischia di prevalere''.

Per il leader degli industriali ''gli italiani sembrano aver respinto queste pericolose pulsioni, ma in Europa e' forte la rabbia dell'euroscetticismo. Sono scenari - sottolinea - che possono cambiare la nostra vita per generazioni''.

Si', perche' - spiega Squinzi -, ''il terremoto politico c'e' stato, un po' dappertutto. In Francia l'onda e' stata fortissima e avra' riflessi profondi anche sul governo dell'Unione. In animarca, Gran Bretagna, in Ungheria, in Slovenia, in Spagna, persino in Germania come in Grecia, ovunque ci sono segnali evidenti di malessere in Europa''. E il malessere - agguiunge - ''un'origine ce l'ha: le politiche di austerita' non hanno prodotto alcun risultato per la ripresa dell'economia e per il lavoro. Infatti la crescita c'e', ma non in Europa''. Infatti - dice ancora Squinzi - ''l'economia arranca, gravata da una moneta molto forte e da politiche di bilancio insostenibili''.

L'Europa - sottolinea ancora il presidente di Confindustria - ''fatica e perche' riprenda il passo della crescita deve avviare un ciclo macroeconomico espansivo, abbandonando il rigore fine a se stesso che ha giovato e gioverebbe solo a chi e' piu' forte''.

glr/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale