lunedì 05 dicembre | 02:18
pubblicato il 10/feb/2014 12:54

Ue: Squinzi, antieuropeismo non ci appartiene, colpa dell'austerity

(ASCA) - Milano, 10 feb 2014 - ''La crisi e le politiche di austerity hanno fatto crescere pericolosamente un sentimento anti-europeista che non appartiene alla nostra cultura e alla nostra storia''. Ne e' convinto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che lo ha sottolineato nel corso del suo intervento dal palco della Mobility Conference di Assolombarda. Secondo il numero uno degli industriali, l'antieuropeismo si contrasta con ''risposte concrete, non affidandoci alla sola passione europea, utilizzando appieno le opportunita' che ci vengono da Bruxelles e facendo sentire la nostra voce, quando necessario, per evitare squilibri o penalizzazioni del nostro Paese rispetto a chi vuole pesare di piu' e influenzare le scelte politiche europee''. fcz/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari