martedì 28 febbraio | 06:56
pubblicato il 11/apr/2014 10:46

Ue: Scaroni, politica energetica frammentata. Serve una sola voce (FT)

(ASCA) - Roma, 11 apr 2014 - ''L'Europa puo' in modo credibile minacciare la Russia con sanzioni di energia ? La risposta , almeno nel breve termine , e' no'', cosi' l'Ad di Eni, Paolo Scaroni in un articolo apparso oggi sul Financial Times. Il numero uno dell'Eni ricorda la dipendenza della Ue dalla forniture di gas della Russia che rappresentano ''circa un terzo del nostro gas in tutta l'UE . Ma questa media maschera una dipendenza superiore al 50 per cento per alcuni paesi, tra cui Austria, Finlandia, Grecia, Polonia , Ungheria e Repubblica ceca. Non e' facile portare avanti un rapporto sempre piu' antagonistico con la Russia se dipendiamo dal Paese per alimentare le nostre industrie e abitazioni . I responsabili della politica europea si stanno oggi rendendo conto che l'indipendenza energetica e' l'indipendenza''.

Nell'articolo Scaroni ricorda la frammentazione della politica energetica europea, ''l'Europa non ha scelto una politica energetica sulla base dell'ottimizzazione della sicurezza dell'approvvigionamento , competitivita' e impatto ambientale. Abbiamo invece un patchwork di idee diverse e spesso incompatibili, nate dall'immaginario di commissari dell'UE focalizzati sulle questioni interne e da singoli Stati membri''. ''Oggi , le decisioni che riguardano la politica energetica dell'Unione europea sono divise tra almeno cinque commissari - energia , industria , politica estera , ambiente e concorrenza. E il capo della commissione non ha il potere di sintetizzare una politica coerente . Nel frattempo , i diversi obiettivi perseguiti dai singoli Stati membri aggiungono un ulteriore livello di complessita' .Questo non e' un buon modo per prendere decisioni importanti, in particolare nel settore dell'energia , dove le politiche richiedono un trade- off tra sicurezza dell'approvvigionamento , costi e ambiente e ci vuole molto tempo per cambiare direzione'' prosegue Scaroni.

''Se davvero vogliamo energia sicura, competitiva e pulita, abbiamo bisogno di mettere qualcuno a capo del dossier. Un commissario senior per l'energia , che siede sopra gli altri quattro per qualsiasi decisione all'interno dei rispettivi portafogli che riguardi la politica energetica, e che quindi abbia il potere di prendere le difficili decisioni politiche e accettare i compromessi che l'energia richiede . Questo Commissario senior avrebbe anche bisogno l'autorita' di definire quale le decisioni sono di competenza dell'UE , e quali possono essere lasciate ai singoli Stati membri .Questo e' un compito arduo per una organizzazione frammentata e diversificata come l'Unione europea . Ma, come i recenti avvenimenti hanno dimostrato , e' anche essenziale . Ci vorranno 5-10 anni per trasformare la nostra politica energetica, quindi e' imperativo che questa volta l'obiettivo sia centrato'', sottolinea il numero uno dell'Eni.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech