lunedì 23 gennaio | 04:02
pubblicato il 11/apr/2014 10:46

Ue: Scaroni, politica energetica frammentata. Serve una sola voce (FT)

(ASCA) - Roma, 11 apr 2014 - ''L'Europa puo' in modo credibile minacciare la Russia con sanzioni di energia ? La risposta , almeno nel breve termine , e' no'', cosi' l'Ad di Eni, Paolo Scaroni in un articolo apparso oggi sul Financial Times. Il numero uno dell'Eni ricorda la dipendenza della Ue dalla forniture di gas della Russia che rappresentano ''circa un terzo del nostro gas in tutta l'UE . Ma questa media maschera una dipendenza superiore al 50 per cento per alcuni paesi, tra cui Austria, Finlandia, Grecia, Polonia , Ungheria e Repubblica ceca. Non e' facile portare avanti un rapporto sempre piu' antagonistico con la Russia se dipendiamo dal Paese per alimentare le nostre industrie e abitazioni . I responsabili della politica europea si stanno oggi rendendo conto che l'indipendenza energetica e' l'indipendenza''.

Nell'articolo Scaroni ricorda la frammentazione della politica energetica europea, ''l'Europa non ha scelto una politica energetica sulla base dell'ottimizzazione della sicurezza dell'approvvigionamento , competitivita' e impatto ambientale. Abbiamo invece un patchwork di idee diverse e spesso incompatibili, nate dall'immaginario di commissari dell'UE focalizzati sulle questioni interne e da singoli Stati membri''. ''Oggi , le decisioni che riguardano la politica energetica dell'Unione europea sono divise tra almeno cinque commissari - energia , industria , politica estera , ambiente e concorrenza. E il capo della commissione non ha il potere di sintetizzare una politica coerente . Nel frattempo , i diversi obiettivi perseguiti dai singoli Stati membri aggiungono un ulteriore livello di complessita' .Questo non e' un buon modo per prendere decisioni importanti, in particolare nel settore dell'energia , dove le politiche richiedono un trade- off tra sicurezza dell'approvvigionamento , costi e ambiente e ci vuole molto tempo per cambiare direzione'' prosegue Scaroni.

''Se davvero vogliamo energia sicura, competitiva e pulita, abbiamo bisogno di mettere qualcuno a capo del dossier. Un commissario senior per l'energia , che siede sopra gli altri quattro per qualsiasi decisione all'interno dei rispettivi portafogli che riguardi la politica energetica, e che quindi abbia il potere di prendere le difficili decisioni politiche e accettare i compromessi che l'energia richiede . Questo Commissario senior avrebbe anche bisogno l'autorita' di definire quale le decisioni sono di competenza dell'UE , e quali possono essere lasciate ai singoli Stati membri .Questo e' un compito arduo per una organizzazione frammentata e diversificata come l'Unione europea . Ma, come i recenti avvenimenti hanno dimostrato , e' anche essenziale . Ci vorranno 5-10 anni per trasformare la nostra politica energetica, quindi e' imperativo che questa volta l'obiettivo sia centrato'', sottolinea il numero uno dell'Eni.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4