sabato 21 gennaio | 05:58
pubblicato il 11/ott/2013 10:47

Ue: ricapitalizzazione banche non computata su deficit pubblico (stampa)

(ASCA) - Roma, 11 ott - Il prossimo anno, una volta completati gli stress test della Bce sulla qualita' degli attivi delle banche europee, per quelle sottocapitalizzate si aprira' il processo di rafforzamento patrimoniale.

Ma le eventuali iniezioni di soldi pubblici nelle banche sottopatrimonializzate non saranno computate nel calcolo del deficit pubblico, lo scrive il quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine citando una lettera del Commissario europeo agli affari economici e monetari, Olli Rehn, nella quale l'intervento statale sarebbe considerato una voce ''one off (una tantum)''. Questa regola rimarrebbe in vigore fino all'istituzione del meccanismo di risoluzione delle crisi bancarie al quale poi sarebbe affidato il destino delle banche traballanti: dalla ricapitalizzazione, allo spezzatino, fino all'eventuale liquidazione men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4