mercoledì 07 dicembre | 15:34
pubblicato il 11/ott/2013 10:47

Ue: ricapitalizzazione banche non computata su deficit pubblico (stampa)

(ASCA) - Roma, 11 ott - Il prossimo anno, una volta completati gli stress test della Bce sulla qualita' degli attivi delle banche europee, per quelle sottocapitalizzate si aprira' il processo di rafforzamento patrimoniale.

Ma le eventuali iniezioni di soldi pubblici nelle banche sottopatrimonializzate non saranno computate nel calcolo del deficit pubblico, lo scrive il quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine citando una lettera del Commissario europeo agli affari economici e monetari, Olli Rehn, nella quale l'intervento statale sarebbe considerato una voce ''one off (una tantum)''. Questa regola rimarrebbe in vigore fino all'istituzione del meccanismo di risoluzione delle crisi bancarie al quale poi sarebbe affidato il destino delle banche traballanti: dalla ricapitalizzazione, allo spezzatino, fino all'eventuale liquidazione men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Dopo il panettone in Gran Bretagna volano bollicine Pignoletto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni