domenica 04 dicembre | 13:19
pubblicato il 12/set/2014 09:50

Ue, Padoan: rispetteremo impegni presi, ma quadro macro diverso

Target 2,6% era obiettivo compatibile in quadro diverso

Ue, Padoan: rispetteremo impegni presi, ma quadro macro diverso

Milano, (askanews) - L'Italia rispetterà gli impegni presi con l'Europa. Lo ha dichiarato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, facendo il suo ingresso alla riunione dell'Eurogruppo. "Come la stessa Bce ammette nel bolletino il quadro macro è molto peggiore di sei mesi fa e c'è un'ovvia meccanica implicazione per i conti pubblici, noi rispetteremo gli impegni presi", ha detto Padoan. "Il target del 2,6% - ha aggiunto - era l'obiettivo compatibile con un quadro macro diverso, lo ripeto: noi rispetteremo i vincoli".A chi gli ha chiesto se il rispetto del vincolo del 2,6% nel rapporto deficit-Pil volesse dire una manovra correttiva, Padoan ha così risposto: "Stiamo lavorando alla legge di stabilità che, per definizione, impatta sui conti, quando avremo i numeri sarete i primi a saperlò.L'Europa "deve mettere l'occupazione e la crescita al centro". Lo ha dichiarato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan facendo il suo ingresso alla riunione dell'Eurogruppo. "C'è una forte convergenza sull'idea che gli investimenti sono essenziali in tutta Europa per la crescita" - ha spiegato Padoan.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari