sabato 03 dicembre | 21:15
pubblicato il 27/giu/2014 13:05

Ue: Padoan & Schauble, un'agenda per la crescita contro gli estremismi

Ue: Padoan & Schauble, un'agenda per la crescita contro gli estremismi

(ASCA) - Roma, 27 giu 2014 - ''Per l'Europa una agenda per gli affari e la crescita'' e' questo il titolo dell'articolo del Wall Street Journal scritto da Pier Carlo Padoan e Wolfgang Schauble, rispettivamente ministri delle finanze dell'Italia e della Germania. Non accade tutti i giorni che due ministri di paesi cosi' differenti, almeno nella percezione dell'opinione pubblica, scrivono una sorta di vademecum per uscire dalle secche della stagnazione e dello scetticismo.

''La crescita e' essenziale per l'Europa per battere i partiti estremisti anti-europei'' sottolineano i due ministri.

Poi il menu'. Per primo va alzata l'asticella delle riforme strutturali, ''le specifiche priorita' per i paesi vanno da una maggiore flessibilita' nel mercato del lavoro all'efficientamento della pubblica amministrazione per aumentare la competivita'' dei singoli sistemi paesi, scrivono Padoan e Schauble.

Secondo, ''serve una piu' profonda integrazione europea'' che si traduca nell'abbattimento delle barriere che ostacolano il mercato unico, come nel mercato dei servizi, ''spingere l'economia digitale e creare ampi networks, in primis nel settore dell'energia''. Poi la necessita' di armonizzare le legislazioni, come nel caso di quelle relative alle procedure fallimentari.

Inoltre, serve una politica che favorisca ''gli investimenti privati e pubblici'' con lo sviluppo di mercati, nel caso della spesa per investimenti privati, quali il ''venture capital e l'uso di strumenti alternativi di finanziamento delle imprese, dai bonds ai fondi di investimento a lungo termine''.

Un ruolo importante assegnato alla Bei, ''per migliorare l'accesso la mercato dei capitali per le piccole e medie imprese'', prosegue l'articolo.

''Una strategia economica basata sulla crescita e' vitale'', ricordano Padan e Schauble, ''per mantenere il debito pubblico dell'europa su un sentiero sostenibile''.

Insomma un mix di politiche in grado di ''spingere la crescita, ridurre la disoccupazione e mantenere le politiche fiscali su un sentiero sostenibile.

Poi, la chiosa ''lasciamoci l'ansia alle spalle e con coraggio prendiamo decisioni lungimiranti, ora'', concludono i due ministri.

men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari