venerdì 09 dicembre | 16:52
pubblicato il 11/gen/2012 15:27

Ue/ Nuova bozza patto bilancio: debito, accolte istanze Italia

Non emendamenti espliciti, ma riferimento a regole 'Six Pack'

Ue/ Nuova bozza patto bilancio: debito, accolte istanze Italia

Bruxelles, 11 gen. (askanews) - La nuova bozza del trattato a 26 paesi sul 'patto di bilancio' per l'Eurozona (il 'Fiscal Compact'), accoglie sostanzialmente le istanze dell'Italia sulle modalità di riduzione del debito pubblico eccessivo. Pur non avendo integrato gli emendamenti chiesti dall'Italia, che miravano a riportare esplicitamente nel testo dell'accordo diversi riferimenti al cosiddetto 'Six Pack' (le nuove regole sul rafforzamento della governance economica dell'Eurozona, in vigore dal 13 dicembre scorso), la nuova bozza fatta circolare dal presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, in vista della nuova riunione dei negoziatori nel Working Group, che si terrà domani a Bruxelles, ha introdotto una modifica equivalente, sebbene non altrettanto esplicita. Non sono stati accolti, invece, né formalmente né sostanzialmente, gli emendamenti ultrarigoristi della Germania, che tendevano ad aggiungere un ulteriore giro di vite sul debito pubblico rispetto allo stesso 'Six Pack'. L'Italia voleva mantenere nel testo dell'accordo tutti gli elementi già presenti nel 'Six Pack' che aggiungono flessibilità nell'imposizione del ritmo di rientro dal debito eccessivo: in particolare il riferimento all'influenza del ciclo economico e ai cosiddetti 'altri fattori rilevanti' che la Commissione europea nelle sue valutazioni deve prendere in conto, e che includono la sostenibilità di lungo termine del sistema pensionistico e lo stock del debito del settore privato, come rischio (se troppo alto) di aggravamento di quello pubblico. Inoltre, il 'Six Pack' precisa senza ambiguità che il ritmo di riduzione del debito di un ventesimo all'anno deve essere calcolato sulla parte eccedente rispetto alla soglia massima di Maastricht del 60% (in rapporto al Pil), e non sul totale dello stock, e che la diminuzione deve essere considerata come valore medio annuale per triennio, e non rigidamente applicato anno per anno. Mentre quest'ultimo elemento (la riduzione di un ventesimo calcolata sul triennio) e la considerazione del ciclo economico erano stati già presi in conto dalla bozza precedente con il riferimento a un preciso paragrafo di un regolamento del 'Six Pack', gli "altri fattori rilevanti" rischiavano invece di non essere considerati, perché stanno nei paragrafi successivi dello stesso articolo (art.2 del Regolamento 1177/2011). La nuova bozza colma questa lacuna, perché presenta un aggancio non più a un singolo paragrafo, bensì a tutto l'articolo del regolamento Ue, includendo dunque in pieno gli "altri fattori rilevanti". Da notare che gli emendamenti tedeschi non accolti volevano invece eliminare del tutto i riferimenti a questo regolamento del 'Six Pack'. In più, chiedevano di far partire le riduzioni annuali di un ventesimo per i debiti eccessivi (senza specificare se relative allo stock totale o alla parte eccedente il 60% rispetto al Pil) già dal prossimo anno, e non dopo un periodo transitorio di tre anni, come prevede il 'Six Pack'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina