martedì 28 febbraio | 00:20
pubblicato il 03/lug/2013 17:06

Ue: Nomisma, su bilanci notizia positiva ma nel rispetto limite 3%

(ASCA) - Roma, 3 lug - ''La notizia che oggi proviene da Bruxelles e' positiva; tutto cio' che va nella direzione di un qualche allentamento dei parametri della spesa pubblica va bene'', dichiara Sergio De Nardis capoeconomista Nomisma.

''Ma prima di cantare vittoria - aggiunge - occorre fare attenzione. Perche' tutto quanto ci viene concesso avviene nel rispetto del limite del 3% del PIL. Se si confermassero quindi come corrette le previsioni di primavera della Commissione Europea per il 2014 che indicano un rapporto deficit/PIL al 2,5%, l'Italia avra' a disposizione non piu' dello 0,4% di PIL da poter spendere per investimenti produttivi. Al massimo 6 miliardi di Euro. E nel caso in cui le stime della Commissione Europea si rivelassero troppo ottimiste, il margine di investimento si ridurrebbe. Pertanto e' meglio festeggiare sobriamente la decisione di Bruxelles'', conclude De Nardis.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech