venerdì 20 gennaio | 23:23
pubblicato il 15/feb/2013 14:05

Ue: ministero coesione, all'Italia 29,6 mld tra 2014-2020

Ue: ministero coesione, all'Italia 29,6 mld tra 2014-2020

(ASCA) - Roma, 15 feb - In un contesto europeo dove i fondi totali per la coesione sono stati ''inappropriatamente ridotti in termini reali dell'8%, l'Italia e' riuscita ad assicurarsi un pur lieve incremento: dai 29,4 miliardi di euro del 2007-2013 a un valore di circa 29,6 del prossimo periodo (entrambi a prezzi 2011)''. E' quanto indica il ministero della coesione territoriale sottolineando che ''questo risultato e' stato conseguito grazie al recupero di 2,3 miliardi di euro ottenuto rispetto alla proposta del Presidente del Consiglio europeo del 13 novembre scorso per le 5 regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia). Cio' ha portato l'importo complessivo per quest'area a 20,5 miliardi di euro. Mezzo miliardo dell'incremento negoziato e' destinato alle aree interne di queste regioni, per le quali si sta lavorando a una strategia dedicata''.

In aggiunta, le tre regioni cosiddette ''in transizione'' (Abruzzo, Molise e Sardegna) potranno complessivamente contare su circa 1 miliardo di euro. Questo risultato per il Sud e' stato conseguito mantenendo il miglioramento nelle regioni del Centro Nord del paese dove si conferma il forte incremento (circa 40%) delle risorse destinate alle regioni piu' sviluppate, che riceveranno circa 7 miliardi, e l'incremento (circa 15%) delle risorse per la cooperazione territoriale (con aree transfrontaliere o con altre regioni).

Nell'ottenere questi risultati, la risoluta negoziazione condotta dall'Italia si e' potuta far forte del notevole miglioramento nell'utilizzo dei fondi comunitari conseguito a partire dall'ottobre 2011 dalle Regioni e dalle Amministrazioni centrali, soprattutto nel Sud dove grave era il ritardo. Su queste basi puo' avviarsi con l'impegno di tutte le parti istituzionali, economiche e sociali, il lavoro per la programmazione dei fondi. Si tratta di mettere in atto la radicale svolta nell'uso dei fondi a partire dalle sette innovazioni metodologiche e dagli indirizzi strategici contenuti nel documento ''Metodi e obiettivi per un uso efficace dei fondi comunitari 2014-2020''. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4