domenica 11 dicembre | 14:49
pubblicato il 20/nov/2013 12:00

Ue maximulta a Italia su aiuti illegali a imprese non recuperati

Commissione chiede 24.578 euro/giorno, deciderà Corte giustizia

Ue maximulta a Italia su aiuti illegali a imprese non recuperati

Bruxelles, 20 nov. (askanews) - La Commissione europea ha deferito oggi l'Italia alla Corte Ue di Giustizia per il mancato rispetto di una sentenza del 2011 in cui la stessa Corte imponeva il recupero di aiuti illegali (sottoforma di sgravi degli oneri sociali) concessi alle imprese nei territori di Venezia e Chioggia dal 1995 al 1997. Se non recupererà dalla imprese beneficiarie gli aiuti illegali, l'Italia dovrà pagare una multa giornaliera che, moltiplicata per il numero di giorni che è durato lo stato d'inadempienza, potrebbe arrivare a milioni di euro. La Commissione propone che la multa sia di 24.578,40 euro al giorno dalla data della prima sentenza (6 ottobre 2011) al momento della sua esecuzione, oppure (se l'Italia non si mette in regola) fino alla nuova sentenza della Corte per inadempimento. A partire da questa eventuale seconda sentenza, l'Italia dovrebbe pagare altri 187.264 euro al giorno, per tutta la durata successiva dello stato d'inadempienza. Cifra che però sarà ridotta in proporzione agli aiuti che eventualmente nel frattempo saranno stati recuperati. Si tratta, in realtà, di una vicenda di vero e proprio conflitto fra l'ordine giuridico comunitario e quello amministrativo regionale o nazionale. Il carattere illegale degli aiuti era stato già accertato nel nel lontano 1999. La Commissione aveva stabilito che alcuni degli sgravi di oneri sociali, che sarebbero dovuti servire a creare posti di lavoro oppure (ma solo nelle Pmi) a salvaguardarli, erano stati concessi a imprese operanti in zone che non presentavano svantaggi regionali, ed erano dunque incompatibili con le norme dell'Ue in materia di aiuti di Stato. Per questo, Bruxelles aveva imposto all'Italia il recupero degli aiuti presso questi beneficiari. Nel 2003, le autorità italiane avevano precisato che le imprese tenute a restituire gli aiuti erano 736, ma che 150 avevano presentato ricorsi amministrativi contro le procedure di recupero. E nel 2005 in ben 251 casi il Tribunale di Venezia aveva sospeso l'esecuzione di queste procedure. Numerosi ricorsi conto la decisione della Commissione sono stati presentati dai beneficiari agli organi giurisdizionali dell'Ue, ma sono stati tutti respinti perché inammissibili o infondati. Le nuove norme che lo Stato italiano ha adottato nel 2008 e nel 2012, per risolvere la situazione di stallo, non hanno prodotto i risultati sperati. Nella nota in cui comunica la sua decisione, la Commissione ha constatato che, a quanto risulta dalle risposte giunte a Bruxelles dall'Italia, 14 anni dopo la prima decisione del 1999 e due anni dopo la prima sentenza della Corte di Giustizia, solo il 20% degli aiuti dichiarati incompatibili con le norme Ue è stato recuperato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina