domenica 04 dicembre | 01:24
pubblicato il 08/mar/2016 15:27

Ue, Lipton (Fmi): debiti e crediti deteriorati "alti" in Europa

In Usa "diminuiscono le prospettive economiche"

Ue, Lipton (Fmi): debiti e crediti deteriorati "alti" in Europa

New York, 8 mar. (askanews) - Gli strascichi dell'ultima crisi finanziaria, sommati ai nuovi rischi, pesano sulla debole ripresa mondiale. Ne è convinto David Lipton, il numero due del Fondo monetario internazionale, che alla National Association of Business Economics a Washington ha detto: in Europa "i bilanci nel settore pubblico e privato restano altamente a debito e i crediti deteriorati sono alti", in Giappone "la deflazione sta mettendo la ripresa a rischio" e negli Stati Uniti "pressioni sulle spese legate all'invecchiamento e bisogni infrastrutturali non ancora soddisfatti diminuiscono le prospettive economiche".

Quanto ai nuovi rischi, Lipton fa notare che "il rallentamento economico globale sta pesando sui bilanci delle banche e le condizioni di finanziamento si sono notevolmente ristrette". Nei mercati emergenti, "l'eccesso di capacità si sta dispiegando attraverso forti declini delle spese per capitale mentre l'aumento del debito privato sta aumentando i rischi per le banche e i bilanci sovrani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari