sabato 03 dicembre | 01:25
pubblicato il 13/mag/2015 13:51

Ue: Italia, bassa crescita e produttività alzano rischi da debito

Intervenire per ridurre il rischio di ripercussioni

Ue: Italia, bassa crescita e produttività alzano rischi da debito

Roma, 13 mag. (askanews) - La debolezza di crescita economica e produttività in Italia "aumenta notevolmente" i rischi derivanti dall'elevato debito pubblico. Lo afferma la Commissione europea nelle raccomandazioni specifiche sul Belpaese, contenute nel rapporto semestrale di monitoraggio sugli squilibri macroeconomci. "L'Italia - si legge - presenta squilibri macroeconomici eccessivi che richiedono un'azione politica risoluta e un monitoraggio specifico".

"La persistenza di una crescita fiacca e di una bassa produttività ha aumentato notevolmente i rischi derivanti dal livello molto elevato del debito pubblico e dalla scarsa competitività di costo e non di costo". Secondo Bruxelles "è di particolare importanza intervenire per ridurre il rischio di ripercussioni negative sull'economia italiana e, considerate le sue dimensioni, sull'Unione economica e monetaria".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari