domenica 26 febbraio | 22:56
pubblicato il 03/set/2016 10:58

Ue, Dombrovskis: per Italia pochi margini su flessibilità

"Governo deve rispettare gli impegni"

Ue, Dombrovskis: per Italia pochi margini su flessibilità

Roma, 3 set. (askanews) - Per il 2017 l'Italia ha pochi margini per la flessibilità sui conti pubblici. E' quanto afferma il vice presidente della Commissione europea e commissario per la stabilità finanziaria, Valdis Dombrovskis, in una intervista al Corriere della Sera.

"Riguardo al bilancio per il 2017, potremo dare un qualche giudizio quando vediamo la bozza di Legge di stabilità. Ovviamente ci aspettiamo che il governo si attenga gli impegni e prepari il bilancio 2017 in linea con la raccomandazione-Paese inviata all'Italia. Al primo punto prevede un miglioramento del saldo di bilancio di 0,6% del Pil".

Il vice presidente della Commissione aggiunge che "per quanto riguarda la flessibilità in generale, lo spazio è molto limitato perché l'Italia nel complesso ha esaurito nel 2015 e 2016 tutta la flessibilità che era disponibile".

L'Italia quindi può chiederne altra "in caso di disastri naturali, si può considerare che ci siano misure una tantum di cui non tenere conto quando si valuta lo sforzo strutturale di un Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech