lunedì 23 gennaio | 20:24
pubblicato il 21/giu/2013 12:00

Ue/ Direttiva tabacco, ministri dei 27 in cerca del compromesso

Non passa divieto sigarette 'slim' e 'warning' su 75% pacchetti

Ue/ Direttiva tabacco, ministri dei 27 in cerca del compromesso

Lussemburgo, 21 giu. (askanews) - La presidenza irlandese di turno del Consiglio Ue cercherà oggi a Lussemburgo di conseguire il sostegno di una maggioranza qualificata di Stati membri alla nuova proposta di direttiva sul tabacco, che imprime un giro di vite alle politiche anti fumo. La presidenza ha messo sul tavolo del Consiglio dei ministri della Salute dei Ventisette (per l'Italia c'è Beatrice Lorenzin) un testo di compromesso con alcune sostanziali modifiche alla proposta di direttiva, che vanno soprattutto nel senso di ammorbidire alcune delle nuove norme più severe. In particolare, due disposizioni della proposta presentata originariamente dalla Commissione europea sembrano non avere alcuna 'chance' di passare: il divieto delle sigarette 'slim' (che praticamente non vuole nessuno, tranne l'Irlanda) e l'aumento delle dimensioni delle etichette adesive con il 'warning'(gli avvertimenti sui rischi del fumo per la salute), fino a coprire il 75% della superficie dei pacchetti di sigarette. Secondo fonti del Consiglio, sul 'warning' non c'è maggioranza qualificata favorevole né al 75%, né a dimensioni inferiori al 65%, per cui la presidenza di turno propone il 70%. Altri elementi controversi riguardano gli obblighi di tracciabilità dei pacchetti (si propone di estenderla fino all'utilizzatore finale, oggi si arriva solo fino al primo acquirente), il divieto di additivi e aromatizzanti usati nelle sigarette per renderne più gradevole il sapore e aumentare l'assuefazione (una proposta prevede che la Commissione pubblichi una 'lista positiva' degli additivi ammessi, vietando tutti gli altri), l'obbligo di pubblicare in etichetta la lista degli ingredienti (per alcuni dei quali i produttori vogliono invece salvaguardare il segreto commerciale), l'eventuale divieto delle confezioni con meno di 20 sigarette (che è già applicato in 14 Stati membri), e infine l'eventuale intervento su forma e presentazione dei pacchetti, sempre con il fine di ridurne il potenziale attrattivo soprattutto nei riguardi dei giovani.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4