domenica 11 dicembre | 01:15
pubblicato il 28/gen/2014 14:01

Ue: da Ecofin procedura per deficit eccessivo contro Croazia

Ue: da Ecofin procedura per deficit eccessivo contro Croazia

(ASCA) - Bruxelles, 28 gen 2014 - La Croazia entra in Europa e si ritrova gia' 'commissariata'. Il consiglio Ecofin ha accolto la richiesta della Commissione europea di aprire una procedura per deficit eccessivo nei confronti del paese fresco d'ingresso nell'Ue. La decisione era nell'aria ed era la sola prevista nella riunione dei ventotto tenuta oggi a Bruxelles. Il ventottesimo stato dell'Unione non ha i conti in ordine e dovra' correggerli. Il programma di correzione era gia' definito e oggi e' stato confermato: per rientrare entro la soglia del 3% per la fine del 2016, al governo di Zagabria viene chiesto di portare il rapporto deficit/Pil al 4,6% alla fine di quest'anno, al 3,5% alla fine del 2015 e al 2,7% al 2016. Per centrare tali obiettivi si chiede di consolidare lo stato del bilancio, procedere alle riforme della pubblica amministrazione e del mercato del lavoro, procedere alla revisione della spesa e al miglioramento del sistema fiscale. Prevista inoltre una prima scadenza - fissata al 30 aprile 2014 - entro cui presentare la strategia di consolidamento. ''Con queste raccomandazioni di correzione si compie un primo passo per correggere gli squilibri macro-economici del paese'', sostiene il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn, al termine della riunione dell'Ecofin. A suo avviso ''e' essenziale che la Croazia adotti le misure necessarie per una ripresa sostenibile''. Il governo dovra' attuare ''misure adeguate, specifiche, mirate'' per far fronte al problema, e a questo non c'e' alternativa. La Commissione ritiene che senza questo programma il rapporto deficit/Pil croato possa toccare quota 6% da qui al 2016.

Rinviate agli Ecofin di febbraio e (soprattutto) marzo le decisione sull'unione bancaria e il fondo unico di risoluzione. Attualmente e' in corso il negoziato con il Parlamento europeo e per tutti e' prematuro procedere a definire accordi o dettagli sul funzionamento del piano. La presidenza greca (oggi rappresentata dal ministro delle Finanze, Yannis Stournaras) conta di raggiungere un accordo ''entro la fine naturale di questa legislatura''. Cio' vuol dire avere un'approvazione nella plenaria di aprile, e questo presuppone un accordo entro la riunione Ecofin in programma a marzo. bne/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina