mercoledì 18 gennaio | 17:27
pubblicato il 15/ott/2013 21:00

Ue: Confindustria a Parlamento, sostenere indicazione origine prodotti

(ASCA) - Bruxelles, 15 ott - La proposta di indicare obbligatoriamente l'origine dei prodotti contenuta nel testo della Commissione europea sul regolamento per la sicurezza delle merci va sostenuta. A dirlo e' Lisa Ferrarini, presidente del Comitato tecnico per la tutela del Made in Italy e lotta alla contraffazione di Confindustria. Il voto e' previsto tra due giorni in commissione Mercato interno del Parlamento europeo, e la rappresentante degli industriali ha discusso proprio di questo con i deputati europei Christel Schaldemose (S&D, relatrice del testo), Raffaele Baldassarre (Ppe), Patrizia Toia (S&D) e Cristiana Muscardini (Ecr). ''Il voto del 17 ottobre e' decisivo'', premette Ferrarini nel corso dell'incontro 'Piu' trasparenza per piu' efficienza - il manifatturiero europeo e la sicurezza dei prodotti'.

''Anche se il Parlamento dara' il suo assenso, restano grandi difficolta' in Consiglio, dove il Governo dovra' ottenere il necessario consenso politico per l'approvazione definitiva di questa norma''.

Confindustria sembra comunque aver trovato un interlocutore sensibile alle proprie richieste nei deputati europei.

''Soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, i consumatori hanno il diritto di conoscere dove sono stati prodotti i beni di consumo immessi sul mercato'', rileva Schaldemose. L'indicazione in orgine dei prodotti e' di grande importanza anche Baldassarre, relatore ombra per il Ppe. ''E' un'iniziativa che contribuira' a rafforzare la protezione di consumatori e a creare condizioni di parita' per le imprese''. Dello stesso avviso anche Toia, relatrice per parere della commissione per l'Industria''In gioco c'e' la salute umana e la sicurezza dei consumatori, insieme alla competitivita' delle imprese''. Muscardini, infine, mette in guardia sui rischi di un voto negativo. ''Negare la tracciabilita' dei prodotti significa incentivare la contraffazione''. Soddisfatta dunque Confindustria. ''Dopo questa grande dimostrazione di compattezza da parte del fronte comunitario per l'indicazione di origine, nessuno potra' piu' ignorare le nostre ragioni'', afferma Ferrarini.

bne/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina