sabato 03 dicembre | 23:06
pubblicato il 11/gen/2016 12:10

Ue boccia sconti tasse Belgio a 35 multinazionali: ridare 700 mln

Sconti concessi sono illegali

Ue boccia sconti tasse Belgio a 35 multinazionali: ridare 700 mln

Roma, 11 gen. (askanews) - La Commissione europea è giunta alla conclusione che i vantaggi fiscali selettivi concessi dal Belgio nell'ambito del regime fiscale sugli utili in eccesso sono illegali. Il regime, recita un comunicato di Bruxelles, ha avvantaggiato almeno 35 multinazionali, che ora devono restituire le imposte non versate al Belgio per un ammontare complessivo di 700 milioni di euro.

Il regime fiscale belga sugli utili in eccesso, in vigore dal 2005, ha consentito ad alcune società facenti parte di gruppi multinazionali di versare imposte decisamente inferiori in Belgio in virtù di ruling fiscali. Il regime ha ridotto la base imponibile delle società di una percentuale compresa tra il 50% e il 90%, scontando i cosiddetti utili in eccesso che deriverebbero dall'essere parte di un gruppo multinazionale.

Dall'indagine approfondita della Commissione iniziata nel febbraio 2015 è emerso che il regime derogava dalla normale prassi prevista dalla normativa belga sulla tassazione societaria e dal cosiddetto "principio di libera concorrenza". Ciò è illegale ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari