lunedì 20 febbraio | 19:49
pubblicato il 28/nov/2014 11:08

Ue: bilancio Italia rischia "non conformità", esame a marzo

Potrebbe non rispettare regole

Ue: bilancio Italia rischia "non conformità", esame a marzo

Roma, 28 nov. (askanews) - L'Italia è uno dei sette paesi dell'area euro il cui bilancio previsionale sul 2015 è "a rischio di non conformità" con le regole Ue, avverte la Commissione europea. E come ampiamente anticipato, Bruxelles avverte che "valuterà la situazione a inizio marzo 2015", in seguito all'approvazione di bilancio e riforme annunciate.

Nella valutazione sui documenti programmatici di bilancio 2015, si riconosce all'Italia di aver compiuto "alcuni progressi" sul risanamento dei conti a livello strutturale, ma si chiede anche di farne altri.

"La Commissione - si legge - esaminerà a inizio marzo 2015 la posizione dell'Italia riguardo ai suoi obblighi rispetto al patto di stabilità e di crescita, alla luce dell'approvazione della legge di bilancio e della specificazione del piano di riforme strutturali annunciato dalle autorità nella lettera del ministro Padoan del 21 novembre".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia