martedì 21 febbraio | 20:44
pubblicato il 04/feb/2016 11:01

Ue alza stima deficit-Pil Italia 2016 a 2,5% Pil ma taglia 2017

Ritocca al rialzo debito ma conferma dinamica di attenuazione

Ue alza stima deficit-Pil Italia 2016 a 2,5% Pil ma taglia 2017

Roma, 4 feb. (askanews) - La Commissione europea ha ritoccato al rialzo le previsioni sul deficit di bilancio di quest'anno dell'Italia, mentre ha limato quelle sul prossimo anno e ha rivisto al rialzo le attese sul debito pubblico, mantenendo però anche l'attesa di una dinamica di attenuazione. Ora sul 2016 l'Ue stima un deficit in limatura al 2,5 per cento del Pil e poi all'1,5 per cento nel 2017.

Nella precedente edizione delle previsioni, risalente al 5 novembre dello scorso anno, Bruxelles indicava il deficit al 2,5 per cento del Pil nel 2015, al 2,3 per cento sul 2016 e all'1,6 per cento nel 2017.

Sul debito-Pil ora l'Ue prevede una attenuazione al 132,4 per cento quest'anno, dal 132,8 per cento del 2015, e poi al 130,6 per cento nel 2017. Tre mesi fa indicava 133 per cento sul 2015, 132,2 per cento sul 2016 e 130 per cento sul 2017.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia