domenica 04 dicembre | 13:44
pubblicato il 24/mar/2014 11:25

Ucraina: Scaroni, Italia puo' gestire situazione con stop gas russo

(ASCA) - Roma, 24 mar 2014 - ''L'Europa e' troppo dipendente dal gas russo per fermare le importazioni nel breve termine dal paese, anche se credo che l'Italia riuscirebbe a gestire la situazione (di mancanze di gas russo, ndr.)''. Lo afferma l'ad dell'Eni, Paolo Scaroni, in un'intervista al Financial times sulla crisi tra Russia e Ucraina e le sanzioni dell'Ue.

''Almeno che l'Ue - aggiunge Scaroni - non raggiunga un accordo con la Russia, mi aspetto che l'Europa avii uno sfrozo gigantesco per diversificare le proprie fonti di approvvigionamento, includendo lo sviluppo dello shale gas nel continenete, l'aumento dell'importazione di GNL e una maggiore focaslizzazione sulle forniture di Algeria, Libia e Norvegia.Ogni decisione ha delle ripercussioni. Abbandonare il nucleare significa utilizzare piu' gas. I limiti alla CO2 significano meno carbone e piu' gas''.

Per quanto riguarda poi le attivita' dell'Eni in Russia, Scaroni aggiunge che ''la vedita di Arctic Russia si e' rivelata una mossa astuta, abbiamo avuto la giusta tempistica. Sarebbe stato molto diffcile realizzare un'operazione simile nel momento attuale: le compagnie russe sono molto caute ora con il loro cash''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari