mercoledì 18 gennaio | 23:35
pubblicato il 28/mar/2014 17:57

Ucraina: Scaroni, difficile per l'Europa fare a meno del gas russo

Ucraina: Scaroni, difficile per l'Europa fare a meno del gas russo

(ASCA) - Roma, 28 mar 2014 - La crisi in Ucraina ''ha dimostrato che il re e' nudo, che l'Europa non e' indipendente'' dal punto di vista energetico ed e' destinata ad avere sempre piu' bisogno del gas russo visto che le alternative, come le importazioni di shale gas dagli Usa, sono economicamente poco chiare. Lo ha sostenuto l'amministratore delegato dell'Eni, Paolo Scaroni, in un'intervista al Washington Post rilasciata nell'ambito degli incontri tenuti nella capitale statunitense con il Dipartimento di Stato Usa e il National Security Council sul tema della crisi Russia/Ucraina e dei suoi impatti sul mercato del gas naturale.

''La crisi Ucraina ha dimostrato che il re e' nudo - ha detto - che l'Europa non e' indipendente, perche' non essere indipendenti sull'energia vuol dire non essere indipendenti.

La gente dice che anche la Russia ha bisogno di noi. Ma noi abbiamo bisogno del gas russo ogni giorno, mentre loro possono anche permettersi di saltare un anno [di pagamenti].

E' un livello diverso di urgenza e dipendenza''.

Secondo Scaroni questa dipendenza ''salira', e non scendera'. La produzione di gas in Europa sta scendendo. La produzione norvegese non sta crescendo. La produzione algerina cresce, ma crescono anche i consumi domestici. E la Libia e' la Libia. Noi siamo quelli che conoscono meglio la Libia al mondo - ero in Libia domenica scorsa, abbiamo li 3000 persone - e ancora non sappiamo molto''.

Complicato pensare, secondo l'a.d. dell'Eni, che il gas statunitense posa sopperire alle forniture russe. Per arrivare in Europa, infatti, ''ci mettera' 5-6-7 anni, non 5 mesi'' ha detto ed ''economicamente, non e' chiaro chi investira' in esportazioni di GNL dall'America poiche' questo gas, all'arrivo in Europa, corre il rischio di essere piu' caro del gas russo. Il gas americano costera' $9/Mbtu quando arriva in Europa'' mentre ''Noi producevamo gas in Siberia fino a qualche mese fa. Ne conosciamo i costi. Sono meno di $0.5/mbtu''.

''Certo - ha concluso - se ci fossero delle sanzioni che rendessero illegale comprare il gas russo, sarebbe diverso.

Ma non ho l'impressione che siamo a questo punto. E anche se ci fossimo, le sanzioni durerebbero per sempre? Spero di no.

Ma l'investimento per costruire un liquefattore negli Stati Uniti si ripaga in 20 anni, non in 20 mesi''.

red-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina