martedì 21 febbraio | 05:13
pubblicato il 08/ott/2014 16:40

Ucraina chiede a Fmi aumento del sostegno finanziario

Necessario per ammortizzare contraccolpi conflitto a Est

Ucraina chiede a Fmi aumento del sostegno finanziario

Roma, 8 ott. (askanews) - L'Ucraina chiede al Fondo monetario internazionale (Fmi) d'accrescere il sostegno finanziario alla sua economia, a causa dei pesanti contraccolpi del conflitto nell'est del paese con ribelli filorussi. L'ha annunciato oggi il primo ministro Arseny Yatsenyuk.

Una delegazione guidata dal ministro delle Finanze Oleksandr Shlapak e dal presidente della Banca centrale ucraina Valeria Gontareva assisterà questa settimana alla tradizionale assemblea generale del Fmi e della Banca mondiale a Washington.

La richiesta, pubblicata sul sito del governo, indica l'obiettivo di "adattare il programma concluso con le organizzazioni finanziarie internazionali alle realtà attuali e attirare al massimo nuove risorse, in modo che l'Ucraina possa cominciare a svilupparsi economicamente e superare questo periodo estremamente difficile". (segue)

(Fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia