venerdì 24 febbraio | 05:05
pubblicato il 26/apr/2013 12:00

Ubi/ Moltrasio: No alla Spa, ogni popolare ha una storia a sè

Voto online? Una moderna banca deve prenderlo in considerazione

Ubi/ Moltrasio: No alla Spa, ogni popolare ha una storia a sè

Milano, 26 apr. (askanews) - "Non vedo pericoli dal caso-Bpm, ogni banca popolare ha una storia diversa. La trasformazione da cooperativa a Spa dipende dal buon funzionamento delle regole". E' quanto ha affermato, in un'intervista al Messaggero, il neo presidente del consiglio di sorveglianza di Ubi Banca, Andrea Moltrasio. "Se c'è una interferenza politica o una confusione di ruoli tra soci e dipendenti, qualche rischio lo si corre - spiega - Ubi non è interessata da questi fenomeni e non vi è intenzione di cambiare l'attuale forma societaria". Tra le novità del piano Bpm c'è anche il cosiddetto voto da remoto, alla domanda se anche Ubi potrebbe farlo suo, Moltrasio ha risposto: "Una moderna banca cooperativa deve prendere in considerazione anche quel voto, naturalmente con le cautele del caso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech