martedì 21 febbraio | 01:40
pubblicato il 29/nov/2016 07:37

Uber, oggi al via decisione corte Ue per futuro sharing economy

Oggi al via udienza della corte europea di Giustizia

Uber, oggi al via decisione corte Ue per futuro sharing economy

New York, 29 nov. (askanews) - Ancora una volta le autorità europee potrebbe avere un peso importante per il futuro di un colosso tecnologico americano e in generale per il concetto stesso di sharing economy. Bruxelles infatti sta interrogandosi su una questione fondamentale: cosa è Uber? La startup americana che permette di trasportare persone è una azienda che offre veicoli con autisti o, invece, un servizio digitale?

Oggi la corte europea di Giustizia cercherà di provare a dare una risposta, prendendo in considerazione una causa che potrebbe dare un forte colpo a Uber, che ha un valore di 63 miliardi di dollari e che presto potrebbe decidere di quotarsi in borsa. Bene, se Uber è semplicemente una società internet che offre servizi, allora ha la possibilità di espandersi in tutti i paesi dell'Unione. Se invece è un servizio di trasporto, le cose si fanno più difficili.

Dovrà infatti sottostare a regole più restrittive, diverse in ogni singolo stato e, alla fine, rischiare di essere messa al bando. Ma è proprio questo secondo scenario che potrebbe creare un terremoto alla sharing economy: gruppi come Airbnb, Deliveroo e Hassle, che collegano lavoratori in proprio con i consumatori, potrebbero rischiare sanzioni e leggi di forte impatto per la loro crescita.

"L'Europa è un mercato importantissimo per tutte queste società quindi una decisione potrebbe essere una grossa sfida per loro", ha detto al Financial Times, Debbie Wosskow della associazione Sharing Economy UK, che si occupa di rappresentare tutte le aziende del settore in Gran Bretagna.

La causa, che è partita a Barcellona, non obbliga Bruxelles a decidere tra la prima o la seconda possibilità. In realtà le autorità potrebbero anche sostenere che Uber ha entrambe le caratteristiche, creando in questo modo maggiore confusione. L'Europa consente alle società di servizi di operare liberamente nell'Unione, mentre pone alcune restrizioni a particolari settori: i trasporti sono di competenza statale. Aziende come Uber e Airbnb possono facilitare un servizio ma non possono eseguirlo direttamente.

Il problema sono alcuni concorrenti: sostengono che questi servizi non debbano sostare alle regole che loro invece devono rispettare. Uber dal 2001, anno in cui è arrivata in Europa, ha combattuto contro l'industria dei taxi, arrivando ad essere bandita da Germania, Francia, Italia, Belgio, Olanda e Spagna. In questo momento Uber opera in 21 paesi dei 28 dell'Unione e ha rapporti molto migliori con le autorità.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia