lunedì 05 dicembre | 01:43
pubblicato il 02/set/2014 11:22

Uber messa al bando in Germania, tassisti:"New economy locusta"

Associazioni: finta start-up,finanziata da Goldman Sachs e Google (ASCA) - Roma, 2 set 2014 - Uber e' stata messa al bando, temporaneamente, in Germania. E' la prima volta che il servizio di reperimento di auto a nolo tramite smartphone e dispositivi mobili - che risulta concorrenziale con i taxi tradizionali - subisce un provvedimento di questo genere su scala nazionale. Lo ha stabilito un tribunale di Francoforte, riporta il Financial Times nell'edizione online, nell'ambito di un ricorso avviato dalle associazioni di taxi tedesche. I tassisiti teutonici avanzano accuse precise: non solo quella "classica" di operare abusivamente come un vero e proprio servizio di taxi senza licenza. Ma anche quella piu' elaborata di essere una finta start-up: "Uber opera grazie a miliardi di liquidita' ricevute da Goldman Sachs e Google, e poi si spaccia come una benefattrice della new economy con apparenze da start-up", ha affermato Dieter Schlenker, numero uno di Taxi Deutschland. E piu' in generale attaccano anche l'economia "condivisa" basata sull'uso di internet e nuovi dispositivi mobili, definendola una "locusta" che danneggia imprese, lavoratori e lo Stato in generale (qui forse ispirandosi al termine coniato anni or sono dall'ex ministro delle Finanze tedesco Peer Steinbrueck). Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari