lunedì 20 febbraio | 23:46
pubblicato il 28/giu/2013 12:54

Turismo: Unioncamere, in crescita mercato tour operator sull'Italia

Turismo: Unioncamere, in crescita mercato tour operator sull'Italia

(ASCA) - Roma, 28 giu - Un terzo dei viaggi venduti dai tour operator internazionali che hanno nel proprio catalogo il prodotto Italia ha come destinazione il BelPaese. Perche' la nostra penisola - sostiene piu' del 60% degli operatori - vince su tutti per il binomio unico di cultura ed enogastronomia. A certificarlo e' l'Osservatorio nazionale sul turismo di Unioncamere e Isnart nella sua indagine sul turismo organizzato internazionale, che rileva un lieve incremento rispetto al 2012 (quando il prodotto Italia ha rappresentato il 27% dei viaggi venduti dai tour operator internazionali), sebbene su valori ancora inferiori agli anni precedenti alla crisi.

''La domanda di viaggi e vacanze, dicono gli operatori internazionali, e' sempre piu' esigente'', commenta il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. ''L'Italia, che nell'immaginario collettivo e' la terra della bellezza, della cultura e della unicita' delle proprie produzioni, deve continuare a investire sulla qualita', che e' la strada maestra per assicurarsi il gradimento dei turisti internazionali''.

Prima nell'immaginario del turista straniero tipo per il binomio cultura-enogastronomia (secondo il 60-64% dei tour operator internazionali), per la sua storia (41%), per il patrimonio naturalistico-ambientale (29%) e per lo stile di vita italiano (26%), anche nel 2013 l'Italia resta la destinazione piu' richiesta agli operatori internazionali (secondo il 71% dei tour operator), ben prima della Francia e della Spagna. Non sempre, pero', alla richiesta segue l'acquisto, tanto e' vero che i viaggi in Italia costituiscono il 33% delle vendite dei grandi buyer internazionali, una quota superiore al 2012 (27%) ma che ancora non raggiunge i livelli pre-crisi (nel 2008 rappresentava circa il 36%). Molte, pero', le variabili dovute all'appeal del nostro Paese nei diversi mercati. L'Italia, ad esempio, rappresenta oltre la meta' della quota di venduto sul totale dei viaggi organizzati quest'anno dai turisti olandesi (l'anno scorso arrivava al 26%), il 48% di quelli australiani (14 punti percentuali in piu' del 2012), il 47% di quelli statunitensi (+12 punti percentuali), il 45% di quelli russi (era il 28% l'anno scorso), il 43% di quelli argentini (+7 punti percentuali), il 41% dei canadesi (11 punti in piu'), il 37% dei giapponesi (in aumento di 9 punti percentuali). Le previsioni per il 2014, al momento, sono orientate alla stabilita': a prevederla e' il 73% dei tour operator internazionali che vendono viaggi e vacanze nel nostro Paese.

Una possibile crescita della domanda turistica in arrivo in Italia e' prevista, invece, da un operatore su 4. Tra questi, emergono i Paesi del Nord Europa, tra i quali l'Austria, la Danimarca, la Svezia e la Norvegia, oltre alla Cina e alla Corea.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia