venerdì 24 febbraio | 23:05
pubblicato il 09/set/2014 16:13

Turismo: parlamentari europei a confronto in Croazia su sostenibilita'

(ASCA) - Roma, 9 set 2014 - Quali gli impegni da prendere verso le future leggi europee del settore? Quale il quadro legislativo da varare per lo sviluppo del turismo sostenibile nei paesi dell'Ue e non solo? Ed ancora: esiste un vero scambio delle esperienze su questo tema tra i diversi Parlamenti nazionali? Sono alcune delle domande, che guardano in particolare alla necessita' di una cura permanente del patrimonio culturale e della tutela ambientale, sulle quali sara' focalizzata la Conferenza Interparlamentare Europea sul turismo sostenibile, in programma dal 10 al 13 settembre in Croazia.

Promotore della conferenza e' la Commissione per il turismo del Parlamento Croato, sede principale dell'incontro.

Sono attesi i presidenti e i rappresentanti delle Commissioni competenti per il turismo dei Parlamenti nazionali di tutti i 28 paesi membri dell'Ue, nonche' di paesi ospiti e rappresentanti del Parlamento Europeo, della Commissione Europea e delle organizzazioni turistiche internazionali. In considerazione del fatto che la Conferenza si svolge durante la presidenza italiana dell'Ue, a copresiedere l'assise in Croazia sara' Guglielmo Epifani, presidente della Commissione per le attivita' produttive, il commercio e il turismo della Camera dei Deputati. Sul tavolo la discussione su un turismo visto non solo come un ramo dell'economia, da misurare quindi con unita' di misura sociali, culturali, d'istruzione, ecologiche, e da valutare anche secondo il modo in cui contribuisce al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione in loco, all'equilibrio ecologico, alla preservazione e alla promozione del patrimonio culturale, all'apprendimento interculturale, alla piu' facile mobilita'.

Il turismo, insomma, come rileva Goran Beus Rhichembergh, presidente della Commissione per il Turismo del Parlamento Croato, ''e' tra le attivita' nelle quali si evidenzia maggiormente il conflitto tra l'idea della crescita e l'idea dello sviluppo sostenibile''. Motivo per cui in molti paesi stanno crescendo la consapevolezza e la responsabilita' che il turismo debba essere sviluppato quale sistema sostenibile.

L'Europa, dove si viaggia di piu' in assoluto nel mondo, in tal senso registra parecchie novita' e progressi. Un approccio nuovo prova a farsi strada, e la Croazia, da membro piu' giovane dell'Unione Europea, vuole continuare a porsi come ponte per il miglioramento dei rapporti di reciproca collaborazione sia con gli altri Paesi membri sia con i propri vicini.

L'iniziativa che si sta per aprire, a cavallo tra Zagabria e Lussino, va infatti nella direzione di far incontrare, sui temi del turismo sostenibile, i rappresentanti delle commissioni competenti per il turismo dei parlamenti nazionali dei Paesi membri dell'Ue con gli omologhi dell'Europa Sud-Est che hanno gia' iniziato o intendono iniziare il processo di adesione all'Ue.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Mediaset
Mediaset, Vivendi: esposto infondato dei Berlusconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech