venerdì 20 gennaio | 21:43
pubblicato il 23/mag/2014 15:46

Turismo: Jannotti Pecci, liquidazione Promuovitalia in Dl passo giusto

Turismo: Jannotti Pecci, liquidazione Promuovitalia in Dl passo giusto

(ASCA) - Roma, 23 mag 2014 - ''Dopo tanti annunci, arriva finalmente un passo concreto nella direzione giusta''. Lo dichiara Costanzo Jannotti Pecci, Presidente di Promuovitalia SpA, commentando il Decreto legge Turismo proposto dal ministro Franceschini.

''Il Decreto legge approvato ieri dal Consiglio dei Ministri risponde con misure concrete alle aspettative degli operatori turistici sia per la valorizzazione della cultura e dei beni culturali, sia per il rilancio del turismo ed il Parlamento, in sede di conversione, potra' apportare miglioramenti utili a recuperare lo stallo in materia registrato da troppo tempo - prosegue Jannotti Pecci -. La trasformazione dell'Enit in Agenzia Italiana del Turismo ente pubblico economico, va in direzione di una maggiore incisivita' della spesa e della promozione dell'offerta turistica italiana - come da anni i due principali sistemi di rappresentanza delle imprese, Confindustria e Confcommercio, chiedevano - e di un impegno concreto a cogliere le opportunita' degli eventi di Expo 2015''.

Per Jannotti Pecci ''anche la decisione della liquidazione di Promuovitalia SpA e' il punto di arrivo di un processo di recupero di trasparenza e di ristrutturazione realizzato dal Consiglio di Amministrazione in attuazione di indicazioni del Ministro del Turismo Gnudi, gia' nella primavera del 2012. Un processo laborioso e contrastato, purtroppo anche da alcuni componenti del CdA dell'azionista unico Enit, che in alcune situazioni hanno impedito di prendere le decisioni dovute, con la conseguenza di nascondere la polvere sotto il tappeto.

La disattenzione del Ministero e di qualche dirigente ha fatto il resto''.

''Gia' da diverse settimane il Consiglio di amministrazione di Promuovitalia - ha concluso - ha provveduto ad approvare uno stato dell'arte ed un quadro conoscitivo reale dei rapporti in essere, comprese le misure a tutela delle professionalita' delle risorse umane, atti a favorire l'avvio e una rapida attuazione della liquidazione della Societa' e li ha trasmessi all'Enit e al ministro competente, dandone informazione anche agli altri soggetti presso i quali potra' essere ricollocato il personale. In tal modo si potra' colmare una lacuna del provvedimento, tutelando maggiormente anche i collaboratori a progetto, senza determinare alcun onere per le casse pubbliche''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4