sabato 25 febbraio | 05:55
pubblicato il 13/giu/2013 16:37

Turismo: funzioni al Mibac. Per il personale -200 mln agli operatori

(ASCA) - Roma, 13 giu - Nuova ''puntata'' del capitolo trasferimento delle funzioni del dipartimento del Turismo al Mibac, il ministero delle Attivita' e Beni Culturali, inserito in un emendamento al decreto legge cosiddetto ''piombino'' presentato dal senatore Bernabo' Bocca. In un nuovo documento sottoscritto dal personale dell'ufficio per le politiche del turismo della presidenza del consiglio dei ministri si sottolinea che ''il nodo della vicenda, non sono gli stipendi dei dipendenti perche' quando ci sono trasferimenti, e lo sappiamo per esperienza, lo stipendio segue il personale. Si, perche' noi dipendenti, in questi ultimi anni abbiamo fatto turismo in tutti i sensi. Siamo passati dal Ministero del turismo e dello spettacolo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri come Dipartimento del turismo. Nel 2000, altra legge! Cosi' siamo passati al Ministero delle attivita' produttive quale Direzione generale. Nel 2006, un decreto-legge ci ha riportato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri come Dipartimento per lo sviluppo e la competitivita' del turismo per essere poi, con un semplice decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 2012, trasformati in Ufficio per le politiche del turismo all'interno del Dipartimento per gli affari regionali, il turismo e lo sport. Ora, con un emendamento governativo si e' ritenuto urgente inserire il trasferimento dell'Ufficio al MIBAC''.

''Le conseguenze? Proprio a causa di queste ripetute riorganizzazioni ci sono stati continui blocchi e rallentamenti delle attivita', con ovvie ripercussioni sulla nostra capacita' di incidere in maniera tempestiva ed efficace e di programmare azioni sinergiche. Ora siamo alla paralisi in questo momento cosi' difficile per le imprese del settore e, quindi, per l'economia del Paese che probabilmente durera' per 3 o 6 mesi e poi bisognera' ricominciare. La situazione di incertezza sulla sorte del turismo ha fatto si che, fino al 12 giugno, non e' stata delegata nessuna Autorita' amministrativa per la firma di tutti quegli atti a rilevanza esterna che incidono sul mercato turistico, per non parlare dei provvedimenti di pagamento nei confronti delle enti regionali e locali, dei consumatori, etc. Le cose che erano in cantiere rimangono completamente paralizzate ed e' per questo che abbiamo affermato: 'Niente progetti innovativi, niente reti di impresa, niente fondo per la sicurezza dei turisti in montagna, blocco degli stipendi per l'ENIT- Agenzia nazionale del turismo, perdita dei fondi POAT, blocco dei progetti di eccellenza con le Regioni e delle attivita' di promozione, gia' previste, Italia-USA e Italia-Russia, affossamento di programmi comunitari, etc...'.

Infatti, sono bloccati, e lo saranno per altri 6 mesi, oltre 100 milioni di trasferimenti alle Regioni per i progetti di eccellenza, 8 milioni per le reti di impresa, 10 milioni per i progetti innovativi degli enti locali, oltre 5 milioni per gli ultimi 2 anni di contributi ad enti locali e associazioni per la promozione del turismo, oltre 5 milioni per i Buoni Vacanze, oltre 3 milioni per circa 2000 pratiche di rimborso ai consumatori per il fondo di garanzia, 6 milioni per l'alta formazione professionale, 10 milioni per la programmazione di fondi strutturali. Non si trasferiscono risorse dovute all'ENIT - Agenzia nazionale del turismo per l'agevolazione rilascio visti turistici (1.600.000 euro) e per la promozione anche dell'EXPO (circa 3 milioni) e rischiano di non arrivare 42 milioni a favore degli operatori delle Regioni convergenza. Per non parlare, poi, del rischio che vengano trasferite, con notevole ritardo, le risorse a favore dell'ENIT - Agenzia nazionale del turismo, del CAI e del Corpo nazionale del soccorso alpino. L'attuale emendamento comportera', inoltre, una ulteriore paralisi delle attivita' dovute a tutte le complesse procedure di trasferimento al Ministero per i beni e le attivita' culturali delle risorse umane, strumentali e finanziarie, nonche' l'impoverimento delle risorse, prevedendone la spartizione a piu' Ministeri''. red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech