sabato 21 gennaio | 03:15
pubblicato il 30/lug/2014 18:27

Turismo: Franceschini, riavviato un veicolo di crescita per il Paese

(ASCA) - Roma, 30 lug 2014 - ''Moltiplicare l'offerta turistica, facendone un veicolo di crescita per il mezzogiorno, lavorare sulla digitalizzazione, dove siamo indietro sia come settore pubblico sia nel privato. Poi riqualificare l'ospitalita', puntando anche sulla formazione degli addetti, ed infine la promozione'', con la nuova Enit ''strumento di un sistema Paese che sappia dire basta alla concorrenza tra piccoli e faccia confluire tutte le risorse di Stato e Regioni in un'unica strategia finalmente competitiva, soprattutto a livello extraeuropeo''. Sono i cardini della fase di riavvio del Turismo nazionale, illustrate dal ministro dei beni culturali e delle attivita' culturali e del Turismo, Dario Franceschini, nel corso della presentazione dei dati dell'Osservatorio nazionale sui primi risultati del 2014 e le previsioni a breve e medio termine.

Restart, cioe' proprio riavvio, il nome scelto dal ministero per il piano di raccolta delle azioni finora poste in essere dal ministero nei 5 mesi a guida Franceschini, solo ultima delle quali e' il varo del Senato al Ddl Cultura e Turismo.

''In una fase ancora di crisi - sottolinea Franceschini - gia' oggi il Turismo in Italia segna una inversione di tendenza e mostra segnali di crescita. Noi finora non abbiamo preso impegni generici ma abbiamo visto approvate norme di legge e provvedimenti amministrativi. Nei prossimi mesi ci sara' dunque da correre molto, ma correremo''. Punto di centralita' del programma per il rilancio del Turismo e' proprio l'agenzia Enit, con le sue nuove e diversificate competenze. Una scelta, quella fatta sull'Enit ''che anticipa il percorso di riforma da seguire e impegna a ragionare con le regioni superando l'aspetto delle loro competenze esclusive''. Passando, nel Restart del comparto, per l'avvio del laboratorio turistico digitale, i tax credit concessi al settore nel Ddl cultura, per l'attenzione alle startup ed all'imprenditoria dei giovani (fino a 40 anni). Fino alla posta in essere dei distretti turistici, agli itinerari interregionali, come per il progetto della ciclabile Venezia-Torino, VENTO, o la Via Francigena. ''L'Italia e' il quinto paese per Turismo internazionale del mondo, ma indubbiamente e' il primo paese per monumenti - ricorda Franceschini - un veicolo trainante per la crescita economica italiana troppe volte in passato dimenticato dalla classe dirigente''.

gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4