domenica 04 dicembre | 23:54
pubblicato il 23/lug/2016 09:29

Turismo, Filippetti (Astoi): estate nervosa, scelte sotto data

"Presto per effetti Brexit, intanto più europei in Italia"

Turismo, Filippetti (Astoi): estate nervosa, scelte sotto data

Roma, (askanews) - Nardo Filippetti, presidente di Astoi e fondatore e presidente di

un tour operator leader in Italia come Eden Viaggi, descrive ad askanews la stagione turistica estiva 2016, a ridosso delle partenze di agosto. Che estate è?

"E' un'estate nervosa - spiega Filippetti non c'è chiarezza sul futuro e i consumatori, non solo quelli del turismo, non essendo sereni non consumano. Difficile pensare di andare in vacanza se non con prenotazioni sotto data. Le prenotazioni per l'estate,

che per noi è ormai alla fine a livello di programmazione, trovano ancora posti liberi ad agosto, cosa negli altri anni impossibile. Ma è la stessa situazione di maggio, dove avevamo posti liberi e poi a consuntivo abbiamo invece comunque visti

soddisfatti gli investimenti".

Gli italiani amano l'estero ma torna forte la voglia di Italia, anche per le difficili situazioni geopolitiche. Verso quali destinazioni ci si sta orientando?

"Gli italiani sono sempre stati i primi clienti degli albergatori italiani, e il turismo in Italia è fatto all'80% di italiani. Ma hanno da sempre amato anche l'estero, e non hanno perso questa voglia di andare. C'è un momento di contrazione per quanto

riguarda il bacino del Mediterraneo ma bene sono andate Spagna e Grecia. Baleari, Canarie molto richieste, con fattori riempimento importanti. E come detto, l'Italia. Ci sono anche gli stranieri, gli europei, ovviamente che tornano in Italia, trovando le stesse difficoltà nel Mediterraneo, vedi oggi la Turchia. Per questo quella italiana sarà una buona stagione".

Lei è approdato da poco al vertice Astoi, cosa c'è da mettere a punto, ad esempio nel rapporto con le istituzioni, per il sostegno a un'industria importante come quella turistica?

"Abbiamo un buon rapporto con il Mibact, con il ministro Franceschini e il sottosegretario Dorina Bianchi, abbiamo lavorato bene sulla questione del fondo di garanzia, costituito dal primo di luglio e a disposizione per i consumatori che

dovessero prenotare con qualche operatore poi alle prese con difficoltà economiche. Oggi quindi i turisti italiani possono viaggiare garantiti con i tour operator nazionali".

Brexit, si apre un capitolo nuovo anche per quel che riguarda il turismo da e verso la Gran Bretagna?

"Per quest'anno le prenotazioni erano fatte. Sicuramente con una rivalorizzazione dell'euro sulla sterlina c'è più incentivazione per le vacanze verso l'Inghilterra. Quello che sta cambiando molto invece riguarda i tour operator, in un futuro prossimo se

si manterrà questo disavanzo euro-sterlina, notiamo che su alcune destinazioni, vedi Canarie o Baleari, ci potrebbe essere meno domanda da parte degli inglesi, quindi se diminuisce la domanda inglese sulla Spagna ci potrebbero ad esempio essere degli spazi ai quali potremo accedere con maggiore facilità in termini di minor costo".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari