mercoledì 22 febbraio | 20:53
pubblicato il 24/lug/2014 13:32

Turismo: Bocca (Federalberghi), estate 2014 in chiaroscuro. Troppe tasse

+++Bene il decreto turismo con gli incentivi alla digitalizzazione+++.

(ASCA) - Roma, 24 lug 2014 - Primi bilanci turistici mentre la stagione estiva e' al giro di boa di luglio. Gli ultimi dati danno in crescita l'indice di fiducia delle aziende del settore, l'Italia torna protagonista anche sui mercati internazionali soprattutto d'oltreoceano, pero' le strutture che chiudono sono ancora tante. Tempo dunque di analisi di mezza estate per il presidente di Federalberghi, Bernabo' Bocca.''Abbiamo un 2014 fotocopia del 2013 - dice Bernabo' Bocca in una videointervista a TMNews, visibile sul sito www.tmnews.it - con un mercato interno che fatica a causa della crisi economica e un mercato estero, soprattutto extraeuropeo, che sta tornando, scegliendo l'Italia come meta per le vacanze. Ne beneficiano le destinazioni piu' internazionali, le citta' d'arte note nel mondo, Capri, Taormina o la Costa Smeralda. Ma l'80 per cento del territorio sta facendo fatica''. E' quindi un'estate dai segnali contrastanti. ''Il tema - continua Bocca - non e' l'appeal del nostro Paese, che resta forte, come dimostra il fatto che ci sono anche importanti investitori turistici e alberghieri stranieri che vogliono entrare nel nostro mercato. Il tema e' la redditivita' delle imprese alberghiere che scontano un livello di tassazione insostenibile, soprattutto per l'Imu e l'Irap, che non e' proporzionale o non collegato al reddito d'impresa''. Ci sono anche altre cause per questa mancata redditivita': ''c'e' il fenomeno delle strutture come le case vacanze, che non pagano tasse e non sono controllate: durante la Canonizzazione dei due Papi che ha portato a Roma centinaia di migliaia di pellegrini e turisti non c'era nessun albergo con il tutto esaurito, perche' molti hanno soggiornato in case d'affitto presenti su internet che non pagano tasse. Una situazione non tollerabile, senza controllo. Indicativo anche il dato di Coldiretti che parla di 3 milioni e mezzo di italiani in vacanza negli agriturismi, mentre l'Istat dice che queste strutture in Italia hanno ospitato solo un milione e mezzo di turisti: il che vuol dire che due milioni e mezzo sono stati ospitati in agriturismi irregolari. E poi ci sono le seconde case. Non e' giusto che solo gli alberghi siano vessati dalla tassazione subendo per di piu' la concorrenza sleale di queste strutture''.

Il governo prova a fare la sua parte, con il decreto turismo ormai all'ultimo vaglio del Parlamento. ''Finalmente - conclude Bocca - un decreto legge che ha la parola turismo nel titolo e nei contenuti. Ci abbiamo lavorato, per migliorarlo, soprattutto per agevolare non solo il nuovo, ma anche le manutenzioni straordinarie dei nostri 34 mila alberghi: non e' la perfezione, ma un segnale importante.

Cosi' come importante e' il tema della digitalizzazione, dove come Italia siamo in ritardo: internet, wi fi e tecnologia sono ormai servizi determinanti per gli alberghi, il credito d'imposta per le aziende che investiranno in nuove tecnologie e' un ottimo segnale''.

Pma/Tmn

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech