sabato 21 gennaio | 12:20
pubblicato il 01/apr/2014 12:43

Trenitalia: Soprano, prorogare contratti con Regioni in vista delle gare

Trenitalia: Soprano, prorogare contratti con Regioni in vista delle gare

(ASCA) - Torino, 1 apr 2014 - Una proroga dei contratti in essere tra Trenitalia e Regioni che scadranno in gran parte a fine anno per consentire la prosecuzione degli investimenti sui nuovi treni in attesa dell'entrata a regime delle gare sul trasporto pubblico locale. E' la proposta lanciata questa mattina dall'amministratore delegato di Trenitalia, Vincenzo Soprano, in occasione dell'inaugurazione di Expo Ferroviaria, principale manifestazione dell'industria ferroviaria in Italia, al Lingotto di Torino. ''Siamo nell'imminenza della scadenza di quasi tutti i contratti - ha ricordato Soprano - e nell'attesa delle gare, che e' lo scenario naturale, potremmo trovarci in una condizione di 'animazione sospesa per tempi molto lunghi' e questo comporterebbe nell'immediato sostanzialmente l'azzeramento degli investimenti nel materiale rotabile'' ad esclusione dei 3 miliardi gia' stanziati dalle Ferrovie.

Soprano ha spiegato che l'ingresso di un nuovo operatore richiedera' un tempo minimo di 5 o 6 anni ''dal momento in cui si fa la prima comunicazione a Bruxelles, che e' il primo atto previsto per legge. Molte regioni - ha proseguito - non sono state ancora in grado di fare questo passo tranne l'Emilia Romagna e poche altre. Quindi - ha aggiunto Soprano - abbiamo davanti un periodo in cui dobbiamo comunque garantire il servizio. E se non sara' possibile fare investimenti restiamo nello status quo, e senza negoziare nuovi contratti potrebbe essere l'inferno''. Soprano ha aggiunto che al momento si stanno sfornando nuovi treni ogni mese e ''sarebbe un peccato spegnere queste linee. E' un valore che non possiamo perdere - ha aggiunto -. Se riusciamo a fare con le regioni un contratto della durata sufficiente possiamo nuovamente indebitarci per lanciare nuovi servizi ovviamente le quote di questi treni che non si ammortizzano dovranno poi essere pagate dal subentrante e dalle regioni.

Ovviamente piu' lungo e' il periodo di contratto e meno problemi abbiamo. Abbiamo delle regioni che pagano regolarmente, e allora ci sentiamo serenamente di fare investimenti, e regioni dove registriamo un anno e piu' di ritardo nei pagamenti. Dobbiamo convincere i mercati che quando ci indebitiamo il nostro cliente poi ci paghera'. Ma questo - ha concluso - da' la possibilita' di mettere nuovi treni sui binari e questo e' cio' che la gente chiede''.

eg/alf/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Fisco
Panama Papers, Agenzia Entrate individua primi 700 soggetti
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4