martedì 06 dicembre | 17:33
pubblicato il 29/gen/2013 17:56

Trasporto aereo: Pecci (Blue Panorama) rilancia unione vettori nazionali

Trasporto aereo: Pecci (Blue Panorama) rilancia unione vettori nazionali

(ASCA) - Roma, 29 gen - ''L'opzione di aggregare i vettori italiani per me resta valida''. A sottolineare come l'evidente difficolta' delle compagnie aeree italiane, con l'acuirsi nelle ultime settimane della crisi di Meridiana e le problematiche di Alitalia, potrebbe trovare una soluzione in un raggruppamento di vettori nazionali guidato dalla stessa Alitalia e' il presidente di Blue Panorama Airlines, Franco Pecci, compagnia che e' in concordato preventivo.

L'idea come noto era gia' stata sviluppata, con l'ipotesi di integrazione della stessa Blue Panorama e di Wind Jet (poi fallita), da parte di Alitalia. Poi ''noi decidemmo di non procedere - ha ribadito Pecci - anche se il lavoro fatto dall'ex amministratore delegato di Alitalia, Rocco Sabelli, in quella direzione fino a quel momento era stato molto positivo''.

''Rimango convinto che una maggior concentrazione permetterebbe di combattere i vettori stranieri che stanno occupando il nostro mercato'' ha aggiunto Pecci a margine della consegna a Blue Panorama di una targa di ringraziamento da parte della Comunita' di Sant'Egidio per il sostegno alle attivita' svolte a Cuba, ''lo dimostra anche la scelta di Air France di lanciare una compagnia regionale per collegamenti domestici ed europei point to point integrando le attivita' di tre diversi vettori ed affiancandole a quelle del brand principale di feederaggio su Parigi e leisure operate con il marchio transavia.com''. Quell'opzione, che qualche mese fa ''non fece presa'', per Pecci ''andrebbe invece oggi certamente rilanciata''. Il presidente di Blue Panorama ha poi detto che ''la ristrutturazione della compagnia sta procedendo con evidenze positive'' nonostante ''un 2013 dove non c'e' crescita nel settore ed anzi il trasporto aereo turistico perde un 25-30%''. Per quanto riguarda la presentazione dell'atto di indirizzo del piano nazionale aeroporti da parte del ministro Passera, Pecci ha concluso dicendo che ''non rafforza i vettori, basta guardare all'aumento delle tariffe su Milano e Fiumicino, e guarda caso non a Ciampino (scalo low cost di Roma ndr). In Italia si e' pensato di piu' agli aeroporti che alle compagnie italiane, l'impressione e' che se ci siano o no vettori italiani che operano sugli scali nazionali non sembri essere importante''. ap/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni