venerdì 20 gennaio | 05:41
pubblicato il 29/gen/2013 17:56

Trasporto aereo: Pecci (Blue Panorama) rilancia unione vettori nazionali

Trasporto aereo: Pecci (Blue Panorama) rilancia unione vettori nazionali

(ASCA) - Roma, 29 gen - ''L'opzione di aggregare i vettori italiani per me resta valida''. A sottolineare come l'evidente difficolta' delle compagnie aeree italiane, con l'acuirsi nelle ultime settimane della crisi di Meridiana e le problematiche di Alitalia, potrebbe trovare una soluzione in un raggruppamento di vettori nazionali guidato dalla stessa Alitalia e' il presidente di Blue Panorama Airlines, Franco Pecci, compagnia che e' in concordato preventivo.

L'idea come noto era gia' stata sviluppata, con l'ipotesi di integrazione della stessa Blue Panorama e di Wind Jet (poi fallita), da parte di Alitalia. Poi ''noi decidemmo di non procedere - ha ribadito Pecci - anche se il lavoro fatto dall'ex amministratore delegato di Alitalia, Rocco Sabelli, in quella direzione fino a quel momento era stato molto positivo''.

''Rimango convinto che una maggior concentrazione permetterebbe di combattere i vettori stranieri che stanno occupando il nostro mercato'' ha aggiunto Pecci a margine della consegna a Blue Panorama di una targa di ringraziamento da parte della Comunita' di Sant'Egidio per il sostegno alle attivita' svolte a Cuba, ''lo dimostra anche la scelta di Air France di lanciare una compagnia regionale per collegamenti domestici ed europei point to point integrando le attivita' di tre diversi vettori ed affiancandole a quelle del brand principale di feederaggio su Parigi e leisure operate con il marchio transavia.com''. Quell'opzione, che qualche mese fa ''non fece presa'', per Pecci ''andrebbe invece oggi certamente rilanciata''. Il presidente di Blue Panorama ha poi detto che ''la ristrutturazione della compagnia sta procedendo con evidenze positive'' nonostante ''un 2013 dove non c'e' crescita nel settore ed anzi il trasporto aereo turistico perde un 25-30%''. Per quanto riguarda la presentazione dell'atto di indirizzo del piano nazionale aeroporti da parte del ministro Passera, Pecci ha concluso dicendo che ''non rafforza i vettori, basta guardare all'aumento delle tariffe su Milano e Fiumicino, e guarda caso non a Ciampino (scalo low cost di Roma ndr). In Italia si e' pensato di piu' agli aeroporti che alle compagnie italiane, l'impressione e' che se ci siano o no vettori italiani che operano sugli scali nazionali non sembri essere importante''. ap/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale