giovedì 08 dicembre | 09:29
pubblicato il 29/nov/2013 12:56

Trasporto aereo: Cielo unico, sindacati preoccupati per impatto Italia

(ASCA) - Roma, 29 nov - La proposta della Commissione europea di modifica del Cielo unico se portata avanti senza alcuna modifica potrebbe avere un impatto negativo sul sistema del trasporto aereo italiano. Questa la preoccupazione espressa della segreterie nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Uglt in una lettera indirizzata alle istituzioni in cui si chiede al Governo di intervenire per modificare alcune parti della proposta in discussione a Bruxelles. In sintonia con la posizione espressa dall'European Transport Workers' Federation, le organizzazioni sindacali si dicono fortemente preoccupate per la ''proposta di Eurocontrol sui ''Centralised Services'' che, laddove non fosse profondamente modificata, potrebbe mettere a rischio sia la qualita' del servizio sia i livelli occupazionali dei fornitori di servizi alla navigazione aerea e contemporaneamente aumentare sensibilmente i costi''. Se alcune misure possono essere utili per il raggiungimento degli obiettivi del SES, altre - come l'imporre agli air navigation service providers, Enav in Italia, l'esternalizzazione di qualsiasi servizio considerato ''di supporto'' - suscitano ''forte contrarieta'''. ''Questo approccio, se confermato, - scrivono le segreterie - rischia di sgretolare la catena della sicurezza nella fornitura dei servizi di assistenza al volo, con ricadute negative sui livelli di safety, sui livelli occupazionali del settore e sull'intera industria italiana del trasporto aereo. La proposta non considera inoltre gli importanti investimenti degli ultimi anni, investimenti pluriennali in tecnologia, ricerca e strutture, assieme alla creazione del know?how, necessario per rilanciare Enav nel contesto nazionale ed internazionale quale elemento trainante per la ripresa dell'industria italiana dell'aviazione civile''. ''Riteniamo quindi fondamentale - conclude la lettera - che anche l'Italia, come gia' avvenuto in Francia e Germania, si faccia portavoce degli interessi nazionali esortando la Commissione ad una completa implementazione dell'attuale pacchetto legislativo, unitamente ad una seria revisione del SES2+. Per queste ragioni riteniamo necessario che lo Stato italiano, a tutela dei propri asset strategici, debba intervenire attraverso le proprie rappresentanze per contrastare la proposta sui Centralized Services di Eurtocontrol, valorizzare al massimo quanto gia' contenuto nella regolamentazione in vigore (SES I e SES II) per una sua piena implementazione, e al contempo affrontare i nuovi temi tecnici proposti dalla Commissione'' proponendo di modificare i punti che vedono le organizzazioni sindacali fortemente contrarie.

red-lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Roma
Roma, Antitrust avvia procedimento contro Atac sul servizio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni